Toxoplasmosi in gravidanza

Durante la fase di gravidanza, dovresti cercare di condurre uno stile di vita più sano possibile per garantire il corretto sviluppo del bambino . Per questo, non parliamo solo di optare per una dieta adeguata, di fare una moderata attività fisica e di fare controlli regolari durante la gravidanza, ma anche di aumentare le cure per evitare la diffusione di virus che potrebbero essere pericolosi per il feto.

Alcune malattie infettive che dobbiamo prendere in considerazione sono la rosolia, la varicella, l'epatite B, l'infezione da streptococco o la toxoplasmosi, di cui parliamo in questo articolo, perché quest'ultima può causare disturbi neonatali disturbanti. In ONsalus spieghiamo i pericoli della toxoplasmosi in gravidanza .

Che cos'è la toxoplasmosi e quali sono i suoi sintomi?

La toxoplasmosi è un'infezione abbastanza frequente, causata dal parassita Toxoplasma gondii ed è spesso asintomatica o produce sintomi lievi simili a quelli di un'influenza. Tuttavia, nelle donne in gravidanza, l'infezione può essere trasmessa alla placenta o al feto, causando lesioni e mettendo in pericolo la sua vita. La percentuale di rischio di trasmissione aumenta allo stesso ritmo della gravidanza stessa, raggiungendo il 60% nell'ultimo trimestre.

Il parassita provoca lesioni nei tessuti del bambino, che sono in formazione, in modo che le conseguenze siano più gravi non appena si verifica l'infezione. Per questo motivo, una diagnosi precoce sarà decisiva quando si applica il trattamento appropriato e quindi ridurrà le possibilità di trasmissione al feto. Esistono anche farmaci che ridurranno il danno al bambino nel caso in cui, quando viene rilevata la malattia nella madre, il feto è già interessato.

Come si diffonde la toxoplasmosi?

Gli specialisti ritengono che circa la metà delle infezioni da toxoplasmosi siano prodotte attraverso il consumo di carne infetta cruda o poco cotta, questo è il motivo per cui la carne poco cotta è tra gli alimenti che non dovrebbero essere consumati durante la gravidanza.

Tuttavia, uno dei principali trasmettitori di toxoplasmosi sono i gatti, ma anche altri alimenti come frutta o verdura parassita possono essere la fonte dell'infezione, proprio come accade con l'acqua contaminata., che di solito contraggono la malattia mangiando carne cruda da prede infette. Il parassita ha la capacità di riprodursi nell'intestino del gatto, in modo che siano ancora presenti nei loro escrementi e nella sabbia o nella scatola in cui l'animale li deposita. In molti casi, la trasmissione del gatto alla persona avviene durante la pulizia delle feci.

Il periodo di incubazione della malattia nell'uomo è generalmente compreso tra 10 e 20 giorni, ma è importante chiarire che non può essere trasmesso da persona a persona, tranne in caso di gravidanza, attraverso una trasfusione di sangue o mediante trapianto di un organo che contiene il parassita.

Possibili conseguenze della toxoplasmosi nel bambino

Le sequele dell'infezione nel feto dipenderanno dal momento della gravidanza in cui si verifica l'infezione, più gravi sono le complicazioni.

In generale, la toxoplasmosi in gravidanza di solito provoca un ritardo nella crescita intrauterina, che si traduce in un basso peso alla nascita del bambino. Ciò può presentare problemi al cervello, al cuore, ai muscoli, ai polmoni, al fegato o al tratto digestivo. Esempi sono danni agli occhi, idrocefalo, perdita dell'udito, eruzioni cutanee, ittero, anemia, convulsioni o lesioni nel sistema nervoso centrale, tra gli altri.

Se il contagio si verifica durante il primo trimestre di gravidanza, esiste la possibilità di aborto o morte del feto.

Prevenzione della toxoplasmosi

In caso di gravidanza, è importante sottoporsi a un esame del sangue per verificare di non soffrire di infezione. Normalmente questo tipo di analisi viene inviato dal ginecologo quando stiamo pianificando una gravidanza, sebbene possano essere sviluppati anche durante le prime settimane di gravidanza.

È anche importante prendere in considerazione alcuni suggerimenti per prevenire la diffusione della toxoplasmosi in gravidanza :

  • Evitare di mangiare carne cruda o poco cotta, salsicce, uova crude e latte crudo, poiché potrebbero essere contaminati.
  • Lavare accuratamente frutta e verdura prima di consumarli.
  • Ricordati di lavarti le mani con acqua e sapone dopo aver maneggiato i cibi citati, evitando di toccarti gli occhi, la bocca o il naso se non li hai ancora lavati.
  • Per precauzione, evitare di ordinare insalate o verdure crude in bar e ristoranti.
  • Non lavorare in giardino senza guanti, poiché il parassita si trova anche nel terreno.
  • Se hai gatti, cerca di non catturare uccelli o topi in strada, poiché potrebbero contrarre l'infezione. In ogni caso, cerca di far raccogliere e pulire un'altra persona dalle feci dell'animale per evitare qualsiasi rischio.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili alla toxoplasmosi in gravidanza, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di gravidanza e salute del bambino.

Raccomandato

Infusioni consentite durante la gravidanza
2019
Paura della folla o enoclofobia: sintomi, cause e trattamento
2019
Cos'è la setticemia e come viene curata
2019