Tipo A Comportamento e stili di serraggio

Nasce dal lavoro di Friedman e Rosenman, che definiscono lo schema del comportamento a rischio coronarico o di Tipo A, come un: complesso di caratteristiche azione-emozione, mostrato da individui che sono impegnati in uno sforzo cronico per ottenere un numero illimitato di cose male definito nel loro ambiente, nel più breve periodo di tempo e, se necessario, contro lo sforzo di opposizione di altre cose o persone nel loro stesso ambiente.

Digitare un modello di comportamento

Secondo Friedman e Rosenman, i tratti che caratterizzano la persona di tipo A sono i seguenti:

  1. un desiderio intenso e costante di raggiungere gli obiettivi stabiliti dall'individuo, ma di solito poveri;
  2. una spiccata tendenza alla competitività;
  3. un'alta motivazione per il raggiungimento;
  4. coinvolgimento in più compiti e lavori contemporaneamente: una tendenza a eseguire in fretta attività di ogni tipo, sia fisiche che mentali;
  5. e uno stato di allerta permanente.

Gli aspetti più critici del comportamento di tipo A sono l'eccessiva aggressività, la fretta e la competitività. Pertanto, le persone che mostrano in genere questo particolare modello di comportamento sono chiamate individui di tipo A e quelle che mostrano il tipo opposto di comportamento - uno stile soddisfacente, rilassato e senza fretta - sono designate di tipo B.

La persona di tipo B potrebbe anche essere interessata a progredire e vincere, ma tende a procedere con il ritmo della vita, lottando più costantemente contro di lui. Pertanto, il modello comportamentale di tipo A è definito come un insieme motivazionale-emotivo, ma sullo sfondo del tipo A ciò che definisce questo modello comportamentale è il suo peculiare stile di coping, basato su un uso abusivo di strategie attive, insieme con la presenza di risposte emotive di ostilità e fretta; che sono responsabili delle sue terribili conseguenze.

Tuttavia, il modello di comportamento di tipo A è definito non solo dai possibili effetti negativi nella sua interazione con lo stress, ma anche da quelli positivi. Da questo approccio, gli effetti dello stress, sia positivi che negativi, si verificano insieme e indissolubilmente. Gli effetti positivi che il Tipo A otterrebbe dalla sua interazione con lo stress, si concentreranno sul raggiungimento del riconoscimento sociale, sull'ottenimento di beni materiali, sull'alta autostima e sulla sensazione di abbondante energia fisiologica per affrontare qualsiasi problema, a causa dell'eccessiva produzione di noradrenalina .

D'altra parte, anche gli effetti negativi saranno ampi, influenzando l'attività cognitiva, comportamentale e fisiologica a breve e medio termine; ed episodi coronarici a lungo termine. Pertanto, gli effetti negativi appaiono come effetti collaterali indesiderati degli effetti positivi.

Livelli elevati di colesterolo e trigliceridi Le prove esistenti dimostrano che il modello di comportamento di tipo A non è determinato geneticamente, ma è acquisito. Esistono due tipi di antecedenti che determinano lo sviluppo del tipo A:

  1. alcuni sono esterni all'individuo e primari nella loro azione, contesto sociale e culturale;
  2. e altri sono interni e secondari nella loro azione, il background personale derivato dal processo di apprendimento.

Possiamo concludere che i fattori cognitivo-comportamentali che predispongono allo sviluppo di disturbi coronarici e la persistenza nel modello di comportamento sono composti da strategie comportamentali e cognitive, nonché limitazioni e carenze nelle capacità di adattamento che sono ridotte a strategie attive; Sebbene riducano lo stress, aumentano il rischio di sviluppare disturbi.

Stili di coping

In qualsiasi situazione di coping, sono coinvolti altri aspetti strutturali come credenze, impegni, precedenti precedenti di coping personale, ecc.

È necessario distinguere tra stili di coping e strategie di coping:

  • Stili di coping : predisposizioni personali per affrontare le situazioni e sono responsabili delle preferenze individuali nell'uso di uno o l'altro tipo di strategia di coping, nonché della loro stabilità temporale e situazionale.
  • Strategie di coping : processi concreti che utilizziamo in ogni contesto e che cambiano fortemente a seconda delle condizioni scatenanti.

Esistono tre dimensioni di base lungo le quali si trovano diversi stili di coping:

Il metodo utilizzato per affrontare:

  • Lo stile di coping attivo : mobilita gli sforzi per i diversi tipi di soluzione della situazione.
  • Lo stile di coping passivo : non fare nulla direttamente sulla situazione, ma semplicemente aspettare che le condizioni cambino.
  • Lo stile di evitamento : evitare o fuggire dalla situazione e / o dalle sue conseguenze.

L' attenzione alla coping:

  • indirizzato al problema : manipolare o alterare le condizioni responsabili della minaccia.
  • finalizzato alla risposta emotiva : ridurre o eliminare la risposta emotiva.
  • mirato a modificare la valutazione iniziale della situazione: rivalutazione del problema.

L' attività si è mobilitata per far fronte:

  • Stile di coping cognitivo : gli sforzi principali sono cognitivi.
  • Lo stile del coping comportamentale : gli sforzi principali sono per comportamenti palesi.

Percezione del controllo

Selye distinse tra un tipo di stress che sarebbe positivo e che chiamò piacevole (enstress) e un altro tipo che sarebbe negativo e chiamato sgradevole (angoscia). Questi due tipi di stress sono a loro volta indipendenti dall'entità e dall'intensità del fattore di stress. Se lo stress è positivo o negativo dipende dal grado di controllo che può essere esercitato sul fattore di stress: a) Se il fattore di stress è controllato e prevedibile, anche ricercato dalla persona, dovremmo avere stress positivo. b) Se lo stress è incontrollato e imprevedibile per la persona, dovremmo avere uno stress negativo. Un innesco o un evento stressante è incontrollabile quando la probabilità che si verifichi un tale evento è indipendente dalla risposta del soggetto. Al contrario, un trigger o un fattore di stress è controllabile quando la probabilità che si verifichi dipende dalla risposta emessa dal soggetto.

L'esposizione a fattori di stress incontrollati mobilita il modello di risposta allo stress, oltre a produrre importanti cambiamenti nel comportamento della persona. D'altra parte, possiamo dire che un fattore di stress è prevedibile da uno stimolo, quando la probabilità del fattore di stress in presenza dello stimolo è maggiore della probabilità del fattore di stress in assenza dello stimolo. Al contrario, è imprevedibile se la probabilità dell'evento in presenza dello stimolo sia uguale alla probabilità dell'evento in assenza dello stimolo. Essere in grado di prevedere l'insorgenza di un fattore di stress produce effetti positivi durante tutto il processo: genera meno attivazione psicofisiologica, meno risposta emotiva negativa e una valutazione meno stressante della situazione. Seligman chiama paura dello stato emotivo acuto che sorge quando un segnale predice un evento stressante e chiama ansia, la paura cronica che si verifica quando un evento stressante è vicino o imprevedibile.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se desideri leggere altri articoli simili al modello di comportamento di tipo A e agli stili di ammissione, ti consigliamo di inserire la nostra categoria di psicologia di base.

Raccomandato

I diversi tipi di invidia
2019
Malattia viola: cause, sintomi e trattamento - con foto
2019
Rimedi domestici per cute secca
2019