Sindrome di Kawasaki: cause, sintomi e trattamento

Questa malattia che colpisce le pareti dei vasi sanguigni, il cuore, oltre ai linfonodi, alla pelle e alla bocca, è stata scoperta in Giappone e si verifica in bambini di età inferiore ai 5 anni e con origini coreane o giapponesi, sebbene non sia esclusa che può verificarsi nei bambini di altri gruppi etnici. Sindrome di Kawasaki se trattata in tempo, il recupero sarà rapido, ma può portare a gravi complicazioni per la salute. In ONsalus spieghiamo le cause, i sintomi e il trattamento della sindrome di Kawasaki .

Cause della sindrome di Kawasaki

Le cause di questa sindrome, come molte di quelle che hanno la loro origine nel sistema immunitario, sono un mistero e possono verificarsi come qualsiasi malattia virale o batterica. Non esiste un test per diagnosticare questa condizione, quindi i medici escluderanno le condizioni attraverso i sintomi che si verificano. Se viene rilevato che si tratta della sindrome di Kawasaki, la cosa principale sarà eseguire un ecocardiogramma, un esame del sangue e delle urine.

Sintomi della sindrome di Kawasaki

Non è una malattia che può essere prevenuta e inizia quasi sempre con una febbre costante di 39 ºC e generalmente raggiunge i 40 ºC e persiste per 5 giorni. Questo è il sintomo principale della sindrome di Kawasaki, quindi si sviluppano in fasi:

Nella prima fase possono apparire:

  • Arrossamento degli occhi
  • Labbra rosse e screpolate
  • Mani e piedi gonfi
  • Dolori articolari
  • Lingua gonfia con protuberanze
  • Peeling della pelle, nell'area genitale

La seconda fase si verifica due settimane dopo e sintomi come:

  • diarrea
  • vomita
  • Dolore addominale
  • Tosse e flusso nasale
  • irritabilità

Se tuo figlio presenta uno di questi sintomi, dovresti andare immediatamente in uno studio medico, per avere una diagnosi corretta e prendere le misure necessarie.

Trattamento per la sindrome di Kawasaki

Il trattamento tempestivo sarà la chiave per avere un risultato favorevole sulla malattia. L'idea sarà quella di prevenire danni alle arterie e al cuore, per questa gammaglobulina endovenosa, una proteina del sangue, che fornisce gli anticorpi necessari al sistema immunitario. Di solito si notano miglioramenti dopo 24 ore dall'inizio del trattamento. Oltre alla gamma globulina, può anche essere somministrata aspirina.

Sebbene il trattamento sia ugualmente efficace, 1 bambino su 4 può sviluppare problemi nelle arterie. Ogni volta che la malattia viene rilevata e trattata in tempo, le complicanze saranno minori, allo stesso modo è consigliabile eseguire un ecocardiogramma ogni uno o due anni, per evitare complicazioni cardiache.

Complicanze della sindrome di Kawasaki

Generalmente, sorgono complicazioni cardiache perché la malattia non è stata diagnosticata nei primi dieci giorni dopo che si sono verificati i sintomi. Una delle complicazioni che possono insorgere è la vasculite, in cui i vasi sanguigni si infiammano e colpiscono le arterie che portano il sangue al cuore.

Ci può anche essere un'infiammazione del miocardio o cambiamenti nel ritmo cardiaco del cuore. È importante che i bambini che hanno sofferto della sindrome di Kawasaki ricevano il vaccino antinfluenzale ogni anno, al fine di evitare possibili infezioni da malattie virali.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili alla sindrome di Kawasaki: cause, sintomi e trattamento, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di Sistema immunitario.

Raccomandato

Iperidrosi palmare: trattamento e operazione
2019
Cosa fare quando sei depresso
2019
Emottisi: definizione, cause e sintomi associati
2019