Quando iniziare a dare acqua al bambino

Avere un figlio può generare grandi dubbi in molte persone, soprattutto se è il primo. Quando i genitori vedono il loro bambino per la prima volta, possono sorgere molte incertezze, ad esempio se è nato con il giusto peso o se ha misurato ciò che dovrebbe; Tuttavia, le domande continuano a moltiplicarsi con il passare del tempo, poiché, ogni giorno, iniziano a emergere nuove e hanno paura di non prendersi cura del proprio bambino in modo corretto.

Per eliminare tutti i dubbi e procedere nel modo migliore per crescere il bambino, è essenziale condurre rigorose consultazioni con il pediatra in modo che possa valutare il bambino e, allo stesso tempo, aiutare i genitori con qualsiasi loro domanda. Uno dei più frequenti è quando iniziare a dare acqua al bambino, quindi vogliamo offrirti tutte le informazioni sull'argomento nel seguente articolo di ONsalus. Nonostante ciò, non dimenticare di consultare e chiedere a uno specialista prima di apportare modifiche alla vita di routine del bambino.

Quando i bambini iniziano a bere acqua?

Generalmente, gli specialisti avvisano i genitori che il bambino sta allattando con latte materno fino a 6 mesi di età; Tuttavia, ciò può variare a seconda del caso specifico, quindi è importante seguire sempre rigorosamente le istruzioni dello specialista.

Trascorso questo tempo, espandere il menu del bambino sarà più educativo che nutriente, dal momento che il latte continuerà a essere il loro cibo principale, quindi non sarà necessario che il bambino beva acqua aggiuntiva perché il latte materno ha 90 % di acqua In altre parole, un neonato non avrà bisogno di nessun altro cibo o liquido durante i primi 6 mesi di vita, poiché il latte materno sarà il suo alimento principale fino al primo anno perché ha le sostanze nutritive necessarie per il suo corretto sviluppo durante quella fase.

Il latte materno può cambiare in modo significativo nel tempo e, a seconda della quantità che il bambino beve, è per questo che di solito si consiglia di non limitare la domanda del bambino e l'allattamento senza attendere un programma fisso tra ogni assunzione. Ciò aiuterà il bambino a sentirsi soddisfatto sia quando ha fame sia quando ha sete.

Una volta che il bambino raggiunge i 6 mesi, i genitori dovrebbero iniziare a includere cibi diversi a poco a poco in modo che, quando raggiungono l'anno, il bambino abbia una dieta simile a quella di un adulto, quindi dal sesto mese è il momento in cui puoi iniziare a dare acqua al bambino ; Tuttavia, non è necessario preoccuparsi se non si desidera berlo perché la madre deve continuare l'allattamento al seno o il latte adattato alla formula raccomandato dallo specialista responsabile.

Molte donne possono sentirsi spaventate quando fa molto caldo e pensare che il bambino possa disidratarsi non bevendo acqua; Tuttavia, questo non è corretto. Il latte materno ha la capacità di adattarsi alle esigenze del bambino e può mantenerlo perfettamente idratato anche se c'è una temperatura ambiente elevata.

Tuttavia, è essenziale che, nei giorni molto caldi, la madre offra il seno a suo figlio molto più frequentemente del solito in modo che il bambino non si disidrati e ottenga i liquidi e i nutrienti necessari.

Che tipo di acqua dare a un bambino?

Quando si inizia a incorporare cibo e acqua nella vita del bambino, possono sorgere nuovi dubbi, ad esempio, se è necessario iniziare a offrire l'acqua minerale per bambini e non l'acqua corrente. Questo è importante da consultare con uno specialista, poiché sebbene l'acqua minerale sia totalmente adatta ai bambini, è importante sapere quale acqua offrire, dal momento che non tutti sono ideali per loro.

In generale, è consigliabile scegliere le acque che hanno una debole mineralizzazione e quelle che contengono meno sodio, poiché, altrimenti, potrebbe essere dannoso per il bambino e causare qualche alterazione dei reni perché si stanno sviluppando e possono influenza loro grandi quantità di sodio.

Un'altra domanda molto comune è se il bambino dovrebbe iniziare a incorporare l'acqua con un bicchiere o una bottiglia ma, ancora una volta, si consiglia di consultare un pediatra; Tuttavia, la scelta dipenderà sia dall'età del bambino sia dall'alimentazione con cui viveva. Nonostante ciò, è più frequente che l'opzione migliore sia un piccolo bicchiere poiché, in breve tempo, il bambino dovrà iniziare a mangiare e bere come un adulto, cioè con un piatto e posate, quindi rimuovi il petto e sostituirlo con una bottiglia non sarebbe il più appropriato.

Puoi scegliere di usare le tazze anti-rovesciamento per bambini per impedire al bambino di gettare il suo bicchiere e diffondere l'acqua ovunque.

Segni di mancanza d'acqua in un bambino

Mentre il latte materno può mantenere un bambino idratato, è importante essere sempre vigili per sapere quando manca il liquido. Se il bambino è attivo, con abbondante saliva, urina regolarmente e le sue feci non sono così dure, significa che il bambino è adeguatamente idratato.

In caso contrario, è possibile che il bambino manifesti vari segni come secchezza delle fauci, si osserva una grande riduzione della produzione della sua saliva, l'urina diventa più scura e più densa allo stesso tempo che urina molto meno frequentemente e nel caso delle feci, la loro consistenza cambia considerevolmente e diventano più difficili, quindi potrebbe rendere difficile la defecazione e il bambino piangerà in atto per il dolore.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Quando iniziare a dare acqua al bambino, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di gravidanza e salute del bambino.

Raccomandato

I diversi tipi di invidia
2019
Malattia viola: cause, sintomi e trattamento - con foto
2019
Rimedi domestici per cute secca
2019