Quale latte è meglio: intero, parzialmente scremato o scremato?

Non c'è dubbio che per anni abbiamo creduto che il latte scremato fosse più sano del latte intero, specialmente quando stiamo cercando di perdere quei chili in più. Le campagne pubblicitarie ci convincono che è più leggero e ha un consumo di grassi molto più basso, tuttavia nulla è più lontano dall'essere una pratica salutare, rispetto al consumo di latte scremato, soprattutto se sei a dieta per perdere grasso. Ecco perché in ONsalus vogliamo abbattere questi miti e scoprire cosa è meglio il latte: intero, parzialmente scremato o scremato.

Un latte per ogni fase della vita

Esistono tre tipi di latte di origine animale, interi, parzialmente scremati e scremati, tuttavia ciascuno di essi ha una funzione specifica per ogni fase della vita che dettagliamo di seguito:

  • Latte intero : è il latte fresco che è stato sottoposto ad alte temperature per essere pastorizzato e quindi sottoposto a un processo di raffreddamento. Ma ha un alto contenuto di grassi saturi, che sono raccomandati solo nella fase di crescita.
  • Latte parzialmente scremato : è stato rimosso parte del contenuto di grassi, mantenendo alcune vitamine e acidi grassi. È raccomandato per i bambini con tendenza al sovrappeso.
  • Latte scremato : il suo contributo è costituito da proteine, minerali, carboidrati e vitamine, nonostante abbia la stessa composizione del latte intero, il suo apporto calorico è molto più basso. È raccomandato per le persone tra 18 e 20 anni.

Il latte scremato non è più sano del latte intero?

Per rispondere a questa domanda devi sapere quali sono le somiglianze e le differenze tra i due tipi di latte:

  • Sia il latte scremato che il latte intero forniscono la stessa quantità di zucchero, calcio e proteine.
  • Hanno la stessa quantità di acqua.
  • Le calorie fornite dal latte scremato sono inferiori a quelle del latte intero. Mentre un bicchiere di latte scremato ha 90 calorie, l'altro ha 150 calorie.
  • Eliminando parte del grasso, nel caso del latte scremato, si perdono anche vitamine come A, D ed E, sebbene ora sia possibile trovare latte scremato arricchito.
  • Ricorda che le porzioni sono importanti, se bevi due bicchieri di latte scremato, è come se ne bevessi uno di latte intero.

Quindi la risposta a questa domanda è che uno è più sano dell'altro a seconda dello stadio della vita in cui ti trovi e dei tuoi obiettivi a lungo termine. Ovviamente, non hai bisogno della stessa quantità di nutrienti quando sei un bambino di quando hai 20 anni o quando ne hai già passati 50, ecco dove si trova la risposta a questo sconosciuto.

Smantellare i miti

Gli studi condotti negli ultimi anni da gruppi di ricercatori delle università degli Stati Uniti hanno determinato che i prodotti lattiero-caseari non hanno alcun effetto concreto sulle ossa, quindi non prevengono realmente le fratture in età adulta e si è concluso che i paesi Meno latte consumano sono quelli con il minor rischio di osteoporosi.

Gli studi più antichi che hanno supportato il consumo di latte come mezzo per prevenire l'osteoporosi e le fratture, si basano sul latte crudo o crudo che fa riferimento a un latte non pastorizzato, quasi impossibile da raggiungere oggi, l'unica eccezione sarebbe per kefir o yogurt greco . Uno dei miti più comuni per quanto riguarda il consumo di latte è il suo apporto di calcio, e in effetti lo ha, ma il suo assorbimento è scarso se non c'è una quantità uguale di magnesio e poiché questo alimento non ha abbastanza di questo minerale perché il L'assorbimento non sarà appropriato.

In questo caso, se non riesci a vivere senza latte e non vuoi cambiarlo per latte vegetale, come le mandorle, il più raccomandato negli adulti è parzialmente scremato, poiché contiene metà del grasso, ma senza perdere i suoi nutrienti. Ma se ti trovi a dieta per perdere grasso, potresti non vedere risultati e ricordare che il latte parzialmente scremato, scremato e persino senza lattosio contiene 12 grammi di zucchero semplice, che destabilizzerà i livelli di insulina e ti farà perdere meno grasso.

Latte animale vs latte vegetale

Sebbene il latte di mucca sia preferito dalla maggior parte delle persone, l'era del fitness ha aiutato a iniziare a retrocedere. Se l'apporto di calcio è quello che avevi indeciso per testare il latte vegetale, ci sono altre fonti di questo minerale che il tuo corpo assorbirà correttamente come semi di chia, broccoli, noci, alghe e semi di lino.

Il latte vegetale proviene da una fonte con lo stesso nome, o da un chicco come avena o riso, da noci come mandorle, cocco o nocciole o da semi come girasole o semi di sesamo. Alcuni dei benefici del latte vegetale sono:

  • Hanno un basso contenuto di grassi.
  • Hanno un alto contenuto di vitamina B.
  • Beneficiano di digestioni lente, poiché non hanno bisogno di enzimi per essere digeriti.
  • Non contengono colesterolo.
  • Non contengono zucchero.
  • Hanno meno calorie tra 30 e 40 per bicchiere.

Ricorda che esiste un latte per ogni fase della vita e in base all'obiettivo che desideri raggiungere per quanto riguarda la perdita di peso e grasso.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Quale latte è meglio: intero, parzialmente scremato o scremato?, ti consigliamo di inserire la nostra categoria di alimenti.

Raccomandato

Sintomi di appendicite nelle donne
2019
Iperparatiroidismo: sintomi e trattamento
2019
Breve fase luteale: cause, sintomi e trattamento
2019