Perché mio figlio non ha amici

I genitori di solito si aspettano che i loro figli possano integrarsi in diversi gruppi di bambini della stessa età approssimativamente, sia a scuola che in attività extracurricolari, e che grazie a questa facilità di integrazione possono avere molti amici. Ma a volte l'atteso non accade, dal momento che ci sono bambini che hanno difficoltà a relazionarsi con gli altri bambini della loro età, e ciò causa loro angoscia e senso di solitudine. Ne abbiamo parlato in questo articolo su: perché mio figlio non ha amici .

Mio figlio non ha amici a scuola

Gli esseri umani, dal momento in cui nasciamo fino alla morte, sono considerati esseri sociali per natura. Per questo motivo, non avere amici durante l'infanzia o avere difficoltà a relazionarsi e fare amicizia spesso causa danni emotivi ai bambini, come una sensazione di rifiuto, una sensazione di solitudine, un deterioramento del processo di maturità, problemi familiari, depressione o umore depresso, bassa autostima, comportamento violento, tra gli altri. Pertanto, avere una buona cerchia di amicizia rende possibile un maggiore equilibrio emotivo, favorisce lo sviluppo personale, aiuta a gestire lo stress, migliora l'autostima e così via.

Perché mio figlio non ha amici

In questo articolo vogliamo rispondere alla domanda perché mio figlio non ha amici? che molti padri e madri sono formulati. Esistono diversi motivi possibili per cui un bambino non ha amici:

Bulling o bullismo

Innanzitutto, uno dei motivi per cui un bambino non ha amici è il bullismo o il bullismo. È una molestia fisica e / o psicologica a cui il bambino è soggetto dai suoi coetanei, un fatto che li fa sentire respinti e sviluppare paura e / o insicurezza per stabilire amicizie con altre persone al di fuori di quelle molestie. Ad esempio, se il bambino viene molestato a scuola e, dopo un po ', si trasferisce in un'altra città e va in un'altra scuola, è possibile che il bambino abbia paura e insicurezza quando instaura amicizie con i suoi nuovi compagni di classe per non voler rivivere la brutta esperienza della sua scuola precedente.

Comportamenti che causano rifiuto

In secondo luogo, un bambino può essere respinto dai suoi coetanei, con conseguente mancanza di amicizie, per presentare comportamenti inappropriati come i seguenti:

  • Ostilità e aggressività : si riferisce all'agire violentemente verso altre persone o esseri viventi. Quando un bambino agisce in questo modo, può indurre i coetanei ad allontanarsi da lui.
  • Personalità dominante : sono quelle persone che sono dominanti e autorevoli rispetto agli altri, come se fossero un leader. Le persone con questo tipo di personalità, in molte occasioni, possono danneggiare gli altri, a causa del loro modo aggressivo di esprimersi e determinare ciò che vuole. Quindi è possibile che altri bambini si allontanino o rifiutino il bambino con personalità dominante. Inoltre, tra i bambini, è comune che i bambini siano chiamati "prepotenti" con questo tipo di personalità, poiché vogliono sempre che ciò che dicono sia fatto, quindi l'autorità e il dominio che abbiamo menzionato prima.
  • Accuse o delusioni : i bambini che accusano costantemente i loro coetanei o che li deludono a causa delle loro azioni o parole, possono essere respinti dai loro coetanei.
  • Cattive abitudini : in alcune occasioni, il bambino può essere respinto dai suoi coetanei a causa di abitudini che causano disagio e offendono gli altri, come, ad esempio, se il bambino risulta invidioso degli altri e lo fa sempre conoscere con commenti offensivi, se il bambino di solito si lamenta molto di cose non importanti, se vuole sempre essere al centro dell'attenzione e agisce in modo ridicolo e pesante, o quando non è in grado di accettare critiche costruttive. Può accadere che arrivi un momento in cui altri bambini si stancano delle loro azioni offensive ripetitive e lo respingono.

Mancanza di abilità sociali

Terzo, la mancanza di abilità sociali può anche fare brutti scherzi quando si tratta di interagire con gli altri per cercare di stabilire amicizie. Alcune di queste abilità sociali che lo rendono difficile sono:

  • Timidezza o vergogna : è una sensazione che rende il bambino incapace o ha difficoltà ad avviare conversazioni, ad affrontare nuove situazioni e ad interagire con gli altri.
  • Mancanza di empatia e mancanza di sensibilità : le persone con mancanza di empatia e sensibilità sono persone incapaci di mettersi nei panni degli altri, cioè non sono in grado di provare compassione e pietà per gli altri. Per questo motivo, altri bambini possono rifiutare la compagnia di bambini che non hanno queste capacità sociali, poiché non avendo compassione per gli altri, possono facilmente danneggiare i sentimenti degli altri bambini. Qui puoi vedere come lavorare l'empatia negli adolescenti.
  • Insicurezza : in alcune occasioni, i bambini sono insicuri e incapaci di fare nuove amicizie, a causa della vergogna, della timidezza o della paura. Non sono in grado di avvicinarsi ad altri bambini per stabilire una conversazione o interagire con gli altri e, quindi, preferiscono non provarci. Qui puoi vedere come migliorare le abilità sociali nei bambini.

Nuove tecnologie

In quarto luogo, l'accelerazione della società e della storia, implica una grande crescita di nuove tecnologie, un fatto che può indurre i bambini a rinchiudersi maggiormente e non avere interesse a interagire fisicamente con altri bambini.

Disturbo psicologico

Infine, il fatto di soffrire di un disturbo psicologico può anche essere una delle cause per le quali un bambino non ha amici, sia a causa della stigmatizzazione del disturbo, sia perché uno dei sintomi che caratterizza il disturbo è legato a carenze persistenti la comunicazione sociale, come ad esempio il caso del disturbo dello spettro autistico.

Come aiutare tuo figlio a fare amicizia

Come aiutare tuo figlio a fare amicizia? Dipende dal motivo. Cioè, a seconda delle cause che causano che tuo figlio non abbia amici, dovresti aiutarlo in un modo o nell'altro. Successivamente citeremo alcuni consigli per ciascun caso:

In relazione al bullismo o al bullismo, è comune che i bambini commentino o diano segnali per provare a dirci che li stanno molestando a scuola, ad esempio "tutti mi danno fastidio", "i miei amici non vogliono giocare con me", "nessuno vuole lavora con me ”, “ nel cortile mi lasciano solo e non vogliono giocare con me ”, ecc. Come puoi aiutare tuo figlio in questa situazione? Normalmente, ciò che è raccomandato in questi casi è di comunicare la situazione alla scuola . Sia il tutore del bambino che il preside hanno il dovere di garantire il benessere dei loro studenti nella scuola, quindi devono occuparsi delle situazioni che lo impediscono. Nel caso in cui la scuola ignori la comunicazione dei genitori, il centro stesso può essere denunciato. Inoltre, se necessario, si può contare su uno specialista per aiutare il bambino con scarsa autostima, esaurimento emotivo e altri aspetti causati dal bullismo.

Per quanto riguarda i comportamenti inappropriati e la mancanza di abilità sociali di cui sopra, ci sono una serie di raccomandazioni per i genitori:

  • Aiuta i loro figli a realizzare i loro atteggiamenti e le loro ripercussioni, sia le difficoltà negative che quelle causate dalla mancanza di abilità sociali.
  • Informare la scuola della situazione dei loro figli in modo che tengano conto di come trattarli, ad esempio, se un bambino è molto imbarazzante, che l'insegnante propone attività che comportano la conversazione con i loro compagni di classe.
  • Se ritenuto necessario, vai da un professionista fuori dalla scuola che può aiutare i bambini a controllare le loro azioni e attitudini.

In riferimento all'individualismo causato dalla crescita di nuove tecnologie, come aiutare tuo figlio a fare amicizia? Si raccomanda ai genitori di limitare il tempo dedicato alle nuove tecnologie, di proporre ai loro figli di svolgere attività che comportano l'abbandono di casa e l'interazione con altri bambini (ad esempio, andare al parco), tra gli altri.

Infine, in relazione ai disturbi mentali, aiutando il bambino a fare amicizia, è fondamentale rivolgersi a uno specialista e tenere informata la scuola, al fine di essere in grado di svolgere un lavoro di rete che consenta al bambino di essere curato da diverse aree della sua vita . Qui spieghiamo quando deve andare dallo psicologo infantile.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Perché mio figlio non ha amici, ti consigliamo di inserire la nostra categoria di problemi di socializzazione.

Raccomandato

I migliori psicologi a Santander
2019
Psicologia generale: il neurone
2019
Rimedi domestici all'odore ascellare
2019