Perché mi danno tachicardie di notte

Ad un certo punto, hai sicuramente sentito che il tuo cuore batte più velocemente del normale, che non è altro che un episodio di tachicardia, cioè che le tue pulsazioni superano i 100 battiti al minuto. Per un adulto a riposo, la normale frequenza cardiaca varia da 60 a 100 battiti al minuto. Quando si verificano episodi di tachicardia, le pulsazioni possono persino raggiungere fino a 250 battiti al minuto ed essere pericolose per la salute dell'individuo.

L'aumento della frequenza cardiaca può apparire in qualsiasi momento della giornata, quando si verifica mentre dormiamo, possiamo svegliarci sorpresi senza sapere molto bene perché. Queste variazioni sono generalmente innocue, ma se diventano frequenti è necessario consultare il medico. In molti casi, le tachicardie notturne passano inosservate e trascurate, ma se diventano frequenti potrebbero essere un sintomo di condizioni più complesse, quindi è consigliabile studiare le loro cause. In ONsalus, rispondiamo alla domanda " perché ottengo tachicardie di notte?"

Che cos'è una tachicardia?

La tachicardia è descritta come episodi occasionali di aumento della frequenza cardiaca, vale a dire che il cuore, a volte, accelera oltre 100 battiti al minuto, che sarebbe il limite superiore normale. Questi episodi hanno a che fare con guasti nella trasmissione di impulsi elettrici che normalmente producono il pompaggio del cuore. Molte ragioni possono influenzare questo sofisticato sistema elettrico che controlla il lavoro del cuore. È importante ricordare che questo organo è un muscolo proprio come gli altri che abbiamo nel corpo, con la differenza che non possiamo controllare volontariamente il suo movimento. Detto compito di controllo viene eseguito attraverso un sistema elettrico che sincronizza l'attività delle diverse parti che compongono il muscolo cardiaco.

Gli studi rivelano che gli episodi di tachicardia hanno un'incidenza da 1 a 3 casi per 1.000 persone. Sono più frequenti negli adulti di mezza età sani e negli anziani. Possono anche comparire in pazienti che hanno subito un infarto del miocardio, che hanno un prolasso valvolare, cardiopatia reumatica, pericardite, polmonite o malattia polmonare cronica.

Gli episodi di tachicardia sono molto variabili e sono stati descritti diversi tipi a seconda delle cause che li producono. Questi possono durare da pochi secondi a diverse ore e, in alcune occasioni, per evitare gravi danni alla salute, è necessario anche andare al pronto soccorso per interrompere l'episodio con il trattamento. Le tachicardie possono essere benigne, ma se sono molto forti e frequenti è necessario andare dal medico e studiarne l'origine, in particolare, perché in alcuni casi possono passare inosservati, ma in altri i sintomi possono disturbare molto e produrre molta angoscia.

Quando il cuore batte in modo accelerato, il suo lavoro di pompare il sangue ai diversi organi è cattivo, vale a dire che il sangue non arriva in quantità sufficiente ai diversi organi, quindi i tessuti possono soffrire perché la quantità di ossigeno è insufficiente. A quel tempo, la persona può sperimentare vertigini, dolore toracico, respiro corto, tra gli altri sintomi.

Tachicardie notturne: cause

Sebbene nella maggior parte dei casi, le tachicardie siano innocue, è consigliabile consultare il proprio medico se gli episodi si verificano periodicamente. Il cardiologo dovrebbe considerare tutti i sintomi e valutare cosa sta causando la tachicardia. Sicuramente, oltre al controllo fisico e agli esami del sangue, richiederai un elettrocardiogramma, un Holter (o un elettrocardiogramma di 24 o 48 ore) o un ecocardiogramma. Tra le cause delle tachicardie notturne più frequenti, ci sono:

  • Emozioni come lo stress, l'ansia o il nervosismo causati da un sogno o da incubo o dalle preoccupazioni del giorno, sono forse la causa più comune di tachicardie notturne.
  • Una cena forte e abbondante può rendere difficile addormentarsi e provocare anche un episodio di tachicardia.
  • Consumo eccessivo di bevande stimolanti come tè, caffè, bibite gassate o bevande alcoliche.
  • La nicotina del tabacco.
  • Febbre.

Esistono altre condizioni che possono produrre tachicardie notturne, condizioni che meritano maggiore attenzione, in quanto possono mettere a rischio la salute della persona. In questa categoria troverai:

  • Diverse malattie cardiache acquisite o congenite.
  • Danni al sistema elettrico del cuore per motivi congeniti o a causa di uno squilibrio elettrolitico nel corpo, a volte, la disidratazione può causare questo squilibrio.
  • Apnea notturna
  • Malattie della tiroide
  • Una marcata riduzione della pressione arteriosa può causare un aumento della frequenza cardiaca come modo per compensare la distribuzione del sangue a diversi organi.
  • Effetto collaterale di alcuni farmaci.

In alcuni casi, la causa esatta della tachicardia non può essere determinata.

Fattori di rischio e complicanze della tachicardia durante il sonno

La tachicardia notturna è, come accennato in precedenza, una serie di episodi generati principalmente da situazioni di stress. Indubbiamente, ci sono fattori che aumentano la possibilità che si verifichino questi episodi in cui il ritmo cardiaco è alterato. Tra i fattori di rischio, ci sono:

  • Malattie cardiache o ipertensione
  • Fumo, consumo di alcol e caffeina eccessiva.
  • L'uso di droghe.
  • Situazioni di stress in generale.

Questi possono essere aiutati con cambiamenti nelle abitudini e nei farmaci. Ci sono anche altri fattori che aumentano il rischio di soffrire di tachicardie come: l'età, poiché il passare degli anni tende a logorare il cuore e rende incline a soffrire di tachicardie; Ereditarietà, se la tachicardia o qualsiasi altra malattia cardiaca è presente in famiglia, tra gli altri fattori di rischio.

Sebbene sia una condizione abbastanza benigna, in alcuni casi possono coincidere diversi fattori che aggravano la situazione della persona. La gravità della condizione dipenderà sostanzialmente dalle cause della tachicardia e dall'aggiunta di diversi fattori di rischio. Le complicanze di questa condizione sono correlate al tipo di tachicardia, alla ricorrenza e alla durata di questi episodi, oltre alle condizioni preesistenti che complicano la salute dell'individuo. Le possibili complicazioni includono:

  • Coaguli di sangue, che possono causare ictus.
  • Insufficienza cardiaca
  • Svenimenti frequenti
  • Morte improvvisa (dovuta a tachicardia ventricolare o fibrillazione ventricolare).

Sintomi di tachicardie notturne

È vero che a volte le persone con tachicardia non hanno sintomi evidenti, quindi scoprono le loro condizioni solo dopo un esame medico o dopo aver avuto un elettrocardiogramma. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, le persone percepiscono sintomi diversi a causa di questi cambiamenti nella frequenza cardiaca. Alcuni individui esprimono persino un sentimento molto influenzato nella loro vita quotidiana, perché gli aumenti del battito cardiaco sono così forti che generano molta angoscia e persino la sensazione che moriranno all'istante. I pazienti riferiscono addirittura di non voler uscire ed avere molta paura di avere un episodio in qualsiasi momento.

Tra i sintomi che possono avvertire se si tratta di tachicardia notturna, sono:

  • Svegliarsi sorpreso nel mezzo del sogno con il cuore accelerato come se stesse per uscire dalla bocca.
  • Palpitazioni al petto, al collo e alla gola.
  • Aumento della pressione sanguigna anche a valori molto alti.
  • Diminuzione molto marcata della pressione sanguigna.
  • Disturbi respiratori, lieve dolore al petto e vertigini.

Cosa fare in caso di tachicardia al risveglio durante la notte?

Se hai consultato il tuo medico e la tachicardia notturna che soffri non ha origine in alcun motivo di peso, i seguenti suggerimenti possono aiutarti.

La cosa principale da evitare nelle tachicardie notturne è agire sui fattori che le producono, che in generale, in casi lievi, sono collegati allo stress. Si consiglia quindi di provare a controllare lo stress, cercando di non pensare ai problemi quando si va a letto e cercando di disconnettersi dalle preoccupazioni. Può aiutare ad ascoltare musica soft, guardare una commedia o un film che ti fa ridere. Questo, oltre a distrarti, ti aiuterà a distogliere i tuoi pensieri e a non pensare alle cose che ti sopraffanno, anche se pensi che sia necessario, puoi andare dallo psicologo o psichiatra per cercare di riparare ciò che ti sopraffà. Puoi anche fare una calda infusione di camomilla, tiglio, alloro o altre infusioni che hanno proprietà rilassanti, fare un bagno caldo o praticare la meditazione.

D'altra parte, durante il giorno, si raccomanda di seguire sane abitudini alimentari, mantenere programmi per mangiare e dormire e, inoltre, esercitarsi in qualche esercizio di routine. Si raccomanda in particolare di ridurre il consumo di zucchero raffinato, bevande stimolanti come tè e caffè o cola. Anche il tabacco e l'alcool devono essere soppressi.

Se hai già l'episodio di tachicardia notturna, puoi ripetere tutti i precedenti consigli per cercare di calmarti e tornare a dormire, puoi anche provare a respirare per abbassare la frequenza cardiaca.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Perché ricevo le tachicardie di notte, ti consigliamo di inserire la nostra categoria Sangue, cuore e circolazione.

Raccomandato

Criteri per la diagnosi del ritardo mentale
2019
Obiettivi terapeutici della depressione
2019
Clinica Isadora
2019