Lo sviluppo dell'autonomia degli studenti di lingue straniere dai postulati di Vygotsky

Questo articolo tratta dell'importanza che alcuni postulati di Vygotsky hanno per la concezione di una didattica dello sviluppo delle lingue straniere e di come queste costituiscano una solida base epistemologica per lo sviluppo dell'autonomia degli studenti di lingue straniere. Per questo, uno studio della sua essenza è fatto come un modo per la formazione dello studente.

In questo articolo di psicologia online, parleremo dello sviluppo dell'autonomia degli studenti di lingue straniere dai postulati di Vygotsky

introduzione

I postulati di Vigotsky nell'insegnamento delle lingue straniere sono di grande importanza per l'attuale modello educativo cubano; questi consentono all'insegnamento dell'insegnamento delle lingue straniere di essere una base concettuale solida e armoniosa. Dai suoi contributi la padronanza della lingua straniera è concepita come un'attività, che consente al soggetto di godere di una vita più piena, espandendo il suo universo culturale, contribuendo a un ampio spettro di personalità della conoscenza.

Distacciandosi da esso, la comunicazione è un tipo di attività umana in cui vengono stabilite relazioni di socializzazione e individualizzazione tra i diversi protagonisti del processo di insegnamento-apprendimento. Evidenziando così il rapporto tra società-educazione-cultura dall'apprendimento delle lingue straniere. Allo stesso modo, il processo di insegnamento-apprendimento delle lingue straniere deve essere basato sull'affettivo e sul cognitivo in un'unità armoniosa per sviluppare le potenzialità comunicative negli studenti.

Strategie per lo studente

Quindi, lo studente dovrebbe essere orientato verso la ricerca attiva di conoscenza, attraverso un sistema di attività che promuovono la ricerca e l'esplorazione della conoscenza da posizioni riflessive, che stimolano lo sviluppo del loro pensiero e della loro autonomia.

Pertanto, nel processo di insegnamento-apprendimento delle lingue straniere, lo sviluppo dell'autonomia degli studenti è essenziale in base alla capacità dello studente di agire sulla base dei propri obiettivi e scopi, in base al processo di autovalutazione che Implica la selezione e lo sviluppo di strategie di apprendimento che consentano allo studente di avanzare verso livelli più alti di conoscenza, che si tradurrà nell'accelerazione del ritmo dell'apprendimento delle lingue nelle lingue straniere. Allo stesso modo , l'autovalutazione e l'autoconoscenza, che presuppongono l'apprendimento attivo, consapevole, intenzionale, autoregolato e il coinvolgimento dello studente nel raggiungimento di un successo maggiore o minore nello sviluppo di questo apprendimento.

Si può quindi affermare che il processo di insegnamento-apprendimento delle lingue straniere, lo sviluppo dell'autonomia degli studenti, ha una solida base nei contributi dei postulati di Vigotsky. Quello che contribuisce alla concezione dell'apprendimento da parte di uno sviluppatore in cui lo studente ha un ruolo guida che interrompe la tendenza all'esecuzione. Allo stesso modo in cui gli studenti sono in grado di agire con un alto grado di autonomia, creatività, motivazione, autodeterminazione e riflessione, a seconda dell'acquisizione di nuove conoscenze della lingua e della cultura, basate sull'interrogazione di alcune domande come: su cosa, come, perché, perché impara e come quell'apprendimento è utile nella sua formazione.

Quadro teorico

Allo stato attuale, la capacità autonoma di creare e applicare nuove conoscenze è un requisito indispensabile per l'educazione e la formazione dell'uomo. Nel processo di insegnamento-apprendimento delle lingue straniere, gli sforzi sono diretti verso il consolidamento di una cultura che corrisponde alle esigenze e alle esigenze dell'attuale società cubana. Che è stato stabilito dalle concezioni dei curricula. Quindi concepire un processo di insegnamento-apprendimento in lingue straniere richiede lo studio di basi teoriche che contribuiscono a questo scopo.

Per questo prendiamo l'approccio storico culturale perché lo studente della carriera di lingue straniere nella comunicazione come attività di conoscenza sviluppa e forma il suo patrimonio culturale. Allo stesso tempo costituisce un'entità attiva nella società, ma solo nei suoi rapporti e scambi con gli altri può raggiungere un ampio livello di sviluppo.

Quindi, riteniamo che nei postulati enunciati da LS Vigotski sia sostenuto lo sviluppo dell'autonomia degli studenti di lingue straniere, questi sono:

  • Determinismo sociale
  • Legge genetica dello sviluppo psichico
  • Vicino alla zona di sviluppo

Pertanto, quando si studia l'essenza di ciascuno di essi, verrà dimostrato come costituiscano sostentamento al fine di sviluppare l'autonomia degli studenti del corso di laurea in lingue straniere.

Secondo R. Bell (p.9) riprendere il lavoro di Vigotsky L'acquisizione e lo sviluppo ... dipende in gran parte dall'ambiente sociale in cui vive il soggetto . Pertanto, il soggetto umano alla nascita eredita tutta l'evoluzione filogenetica, ma il prodotto finale del suo sviluppo dipenderà dalle caratteristiche dell'ambiente sociale in cui vive. Professione d'amore sublime. (1997)

Questo approccio ci mostra come dal processo di insegnamento-apprendimento delle lingue straniere si instauri una stretta relazione tra istruzione, istruzione e società . Ciò è evidenziato da un sistema di influenze educative che ti aiutano a comprendere il valore di ogni atto di apprendimento oltre una situazione comunicativa. Cioè, il possibile contributo alla sua formazione come professionista che deve svolgere determinate funzioni come parte del suo incarico sociale.

Anche sollevato da Egea. M quando sottolinea che "l'educazione della personalità dello studente implica basare la direzione del sistema di influenze educative sulla sua formazione sulla base di: Il riconoscimento del carattere attivo dello studente come soggetto della sua formazione" (Egea. M, 2007. p 85.)

Stato della questione nell'apprendimento delle lingue straniere

Nel caso del processo di insegnamento dell'apprendimento delle lingue straniere, lo sviluppo dell'autonomia degli studenti è condizionato da alcuni elementi che la caratterizzano e ne rivelano l'essenza. Pertanto, quando parliamo di uno studente con un alto livello di autonomia, intendiamo non solo come lo studente si assume la responsabilità del proprio processo di apprendimento, ma sa anche come fissare obiettivi basati sull'identificazione di potenzialità e limitazioni in tale processo.

Lo studente deve anche essere in grado di trasferire conoscenze e abilità in nuovi contesti. Oltre ad avere e mantenere criteri valutativi e riflessivi sugli altri e sugli altri.

Allo stesso modo, è implicito il riconoscimento del carattere attivo dello studente come materia della sua formazione, il che implica che sia l'istruzione che l'insegnamento dovrebbero condurre lo sviluppo e la formazione dello studente da ciò che è in grado di fare autonomamente e autoregolato. Cosa puoi fare sotto la tua direzione, nell'attività che fai. Nella capacità di pianificare e anticipare la realtà sociale per trasformarla in base alle loro esigenze cognitive, emotive e professionali. In modo che alla fine della sua formazione sarà in grado di prendere decisioni e raggiungere la piena autorealizzazione.

Su questa base, viene eretto il principio di sviluppo che richiede agli insegnanti di lingue straniere un alto livello di creatività e flessibilità per essere in sintonia con il contesto storico specifico.

La legge genetica dello sviluppo, come parte dell'approccio di LS Vigotsky (1982), nell'apprendimento dell'autonomia è un dato di fatto, considerando che è stata sviluppata tenendo conto delle motivazioni intrinseche ed estrinseche degli insegnanti nella formazione iniziale delle lingue straniere. L'apprendimento di questi va dal livello sociale a quello individuale ed è evidente che l'appropriazione di un sistema di conoscenze, abitudini e abilità che vanno dal livello interpsicologico a quello intrapsicologico. Cioè, ciò che viene affrontato dalle componenti accademiche e di ricerca, è integrato ed energizzato nella componente del lavoro e quindi ha senso per la tua formazione come professionista delle lingue straniere.

È quindi necessario, per l'insegnamento delle lingue straniere, determinare quali sono i bisogni reali che gli studenti devono imparare ad esprimersi in quella lingua e in quali contesti e situazioni li usano e / o li usano.

JC Richards (1995: 3) afferma che "l'uomo, sia dal punto di vista del suo sviluppo storico che del suo sviluppo individuale, non può vivere e soddisfare i suoi bisogni senza comunicare con i suoi simili (...) Ciò significa che dal suo origine la necessità di comunicazione è stata associata all'attività dell'uomo, è formata e sviluppata sulla base dell'attività congiunta. "

È chiaro con questa affermazione che nei compiti di apprendimento della classe di lingue straniere, il lavoro in gruppo deve prevalere e il contenuto di questi deve riflettere le attività che gli studenti affrontano, tra le quali non manca la direzione della processo di insegnamento-apprendimento

In questo senso, la classe di lingue straniere è incaricata di preparare gli studenti a diventare personalità adatte a una partecipazione attiva e trasformativa della società. Pertanto, l'attività di studio delle lingue straniere deve essere contestualizzata in modo tale da non contraddire la realtà della materia.

Pertanto, la classe influenza la formazione della personalità dello studente, mentre lo fa sulla società e consente allo studente di influenzare la classe stessa e la società in cui si sviluppa. A prescindere da ciò, dal momento che lo sviluppo dell'autonomia ruotava in modo continuo, lo studente doveva fare conoscenza di se stesso contemporaneamente agli altri in un processo di socializzazione dalla comunicazione come attività che svolge. Ciò costituisce la fine dell'insegnamento-apprendimento delle lingue gli stranieri e il loro sviluppo dipendono dal grado di autonomia con cui gli studenti riescono a svolgere l'attività che richiede assimilazione e acquisizione consapevoli e attive. Sempre in base all'identificazione dello scopo dell'attività svolta.

Questo scopo non è identificato in modo isolato e spontaneo, ma basato su un sistema di influenze che contribuiscono alla sua formazione. Allo stesso tempo ti aiutano a capire il valore di ogni atto di apprendimento oltre una situazione comunicativa. Cioè, il possibile contributo alla sua formazione come professionista che deve svolgere determinate funzioni come parte del suo incarico sociale.

Sviluppo degli studenti

Si può dire che dallo sviluppo dell'autonomia, lo studente contribuisce alla formazione e allo sviluppo dello studente, dopo che è diventato consapevole delle proprie cognizioni ed è in grado di regolare la propria attività mentale durante il processo di apprendimento. Evidenziando così un altro dei postulati della Zona di sviluppo successivo (Vygostky 1988), si riferisce allo stadio cognitivo dello studente che può essere trasformato dall'interazione con gli altri.

Secondo i budget di Vygotskian, durante l'apprendimento si trovano due livelli di sviluppo: uno attuale che rappresenta ciò che lo studente sa e sa fare per se stesso e un altro potenziale, che rappresenta ciò che lo studente può essere in grado di fare dall'aiuto Riceve da altri individui.

L'interpretazione corretta di questo concetto è essenziale per una migliore comprensione dell'autonomia. Se prendiamo in considerazione ciò nello sviluppo di questo, gli studenti possono raggiungere una vasta conoscenza senza l'aiuto dell'insegnante per risolvere i compiti di apprendimento dall'uso delle proprie strategie di apprendimento. Dove avrà un ruolo da protagonista e deve decidere quali risorse ha, le implicazioni e le responsabilità in base al proprio apprendimento. Oltre allo scopo di questo per l'esercizio della professione. Quindi non è solo ciò che sono in grado di imparare, ma dopo come trasmetterlo.

Nel processo di insegnamento dell'apprendimento delle lingue straniere, lo sviluppo dell'autonomia da questo postulato è anche condizionato dall'uso di strategie di apprendimento come mediatori nel processo di apprendimento e, piuttosto che mediatori offerti dai media come impalcature sul che lo studente si appropria, una volta interiorizzato, diventa risorse per l'autodeterminazione allo stesso tempo lo rende un'entità attiva del proprio sviluppo e capace di imparare ad imparare.

È quindi necessario, per l'insegnamento delle lingue straniere, determinare quali sono i bisogni reali che gli studenti devono imparare ad esprimersi in quella lingua e in quali contesti e situazioni li usano e / o li usano.

L'apprendimento è un processo che è sempre soggetto a cambiamenti, in cui sono coinvolti il ​​livello di sviluppo che l'educazione ha raggiunto nel momento in cui sta accadendo e le esigenze oggettive e soggettive delle persone coinvolte in questo processo. Pertanto, affinché avvenga questo cambiamento, è essenziale occuparsi dello sviluppo dell'autonomia degli studenti.

Autori come H. Holec (1981), D. Larsen-Freeman (2001), RC Allwright (1988), P. Benson e P. Voller (1997), L. Karlsson, F. Kjisik e J. Nordlund (1997), A. Wenden (1998), A. Hoffman (1996), C. Hufeisen e Jessner. (2001), A. Chik. e. YH Lim (2003) e D. Little (2007) hanno affrontato il tema dell'autonomia nell'apprendimento delle lingue straniere. Concordano sul fatto che implica la responsabilità dello studente per il proprio apprendimento, autovalutazione e autorinforzo nello stesso modo in cui insistono sulla necessità di sviluppare negli studenti le conoscenze sui propri processi di apprendimento.

Nel processo di insegnamento-apprendimento delle lingue straniere, presuppone un apprendimento attivo, consapevole, intenzionale e autoregolato, nonché il coinvolgimento dello studente nel raggiungimento di un successo maggiore o minore nello sviluppo di questo apprendimento. Allo stesso modo, l'individuazione di stili e strategie di apprendimento. Oltre alla capacità di mobilitare risorse in nuovi contesti d'azione.

Il problema è che il modo o il modo in cui impariamo dipende da un sistema complesso che funziona a diversi livelli, che sono tutti necessari per imparare. Cioè, l'apprendimento avviene attraverso diversi processi interni della persona, a seconda dei contenuti appresi e delle condizioni in cui l'apprendimento ha luogo.

Tutto l'apprendimento costituisce un riflesso della realtà da parte dello studente e come tale si verifica nell'attività che si sviluppa, quindi viene appreso consapevolmente, con una partecipazione attiva e nell'appropriazione del contenuto della cultura che lo fa riflettere, compiere uno sforzo intellettuale e una ricerca creativa della conoscenza. Di conseguenza ci sono cambiamenti nei processi cognitivi, affettivi e professionali stessi.

Pertanto, i postulati di Vigotsky, che contribuiscono a interpretare fenomeni come lo sviluppo dell'autonomia degli studenti, sono importanti nel processo di insegnamento-apprendimento delle lingue straniere. Allo stesso tempo, la concessione di uno sviluppatore che apprende da un concetto di regolamentazione attiva viene rassegnata a questi al fine di sviluppare l'autonomia degli studenti. Ciò si ottiene quando l'insegnante mobilita le forze intellettuali degli studenti al fine di raggiungere gli obiettivi specifici dell'insegnamento-apprendimento delle lingue straniere. L'attivazione mira a designare la natura attiva, cosciente e intenzionale dei processi e dei meccanismi intellettuali su cui si basa e i risultati che produce. Ciò consentirà un'accelerazione nell'acquisizione di lingue straniere in modo che ci sia un cambiamento nell'apprendimento.

La regolamentazione viene raggiunta attraverso la proposta allo studente di un compito di apprendimento che promuove la riflessione e la maturità metacognitiva, che include la conoscenza di ciò che si desidera raggiungere, come viene raggiunto, quando e in quali condizioni specifiche le risorse che devono essere applicate Sono posseduti per raggiungerlo. Che cosa si tradurrà in autorealizzazione linguistica e professionale e autoriflessione delle loro prestazioni.

conclusioni

In sintesi, si può affermare che:

  1. Allo stato attuale, è essenziale disporre di elementi che contribuiscano ad arricchire il processo di insegnamento-apprendimento delle lingue straniere, quindi lo sviluppo dell'autonomia degli studenti è essenziale in questo processo come modo per promuovere il ruolo attivo e consapevole del studente come protagonista del proprio processo di formazione e di auto-trasformazione.
  2. La concezione di un processo di insegnamento-apprendimento che sviluppa le lingue straniere deve essere supportata dai postulati della teoria fornita da Vigotsky al fine di produrre cambiamenti sostanziali in questo processo.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Lo sviluppo dell'autonomia degli studenti di lingue straniere dai postulati di Vygotsky, ti consigliamo di inserire la nostra categoria di Psicologia cognitiva.

Raccomandato

I migliori psicologi a Santander
2019
Psicologia generale: il neurone
2019
Rimedi domestici all'odore ascellare
2019