Le variabili nella ricerca psicologica

Nella psicologia applicata, la psicologia investigativa tenta di descrivere le azioni dei criminali e di sviluppare una comprensione del crimine. Questa comprensione può aiutare a risolvere i crimini e contribuire alle procedure giudiziarie e di difesa. Riunisce problemi nel recupero delle informazioni di ricerca, nella progettazione di inferenze su tali informazioni e sui modi in cui il processo decisionale della polizia può essere supportato attraverso vari sistemi derivati ​​dalla ricerca scientifica . Non va confuso con il profilo emerso dall'esperienza degli agenti di polizia che hanno offerto opinioni ai loro colleghi sulle possibili caratteristiche di criminali sconosciuti.

Variabile. (X) Caratteristica che può assumere più di un valore. Ad esempio estroversione, fluidità verbale, quoziente intellettuale, autostima, depressione ecc.

Valore della variabile . (x1, x2, ..., xn) Possono essere numerici o categorici.

Costrutti : entità concettuali astratte di definizione impossibile nei momenti attuali poiché rispondono ad aspetti del comportamento umano che è impossibile specificare con precisione. (Termini che utilizziamo per fare riferimento a variabili che non sono direttamente accessibili). Ad esempio l'intelligenza. Se sviluppiamo una misura per quel costruttore, all'interno di una data teoria, avremo una caratteristica che può assumere uno o più valori e che sarebbe una variabile.

Costante

Funzionalità con un singolo valore. Ex e = 2'7182. Se consideriamo solo uomini in un dato studio, il genere sarà un cte.

Tipi di variabili associate alle scale di misurazione .

Sono quelli che generano i loro valori su scale diverse:

  • Variabili nominali o variabili categoriali. Ad esempio variabili ordinali del sesso. Ex ordine di arrivo degli atleti che partecipano a una maratona
  • Variabili di intervallo Ad esempio apertura misurata dal test di personalità
  • Variabili della ragione. Ad esempio, il tempo trascorso nel rispondere a uno stimolo luminoso.

Tipi di variabili a seconda di ciò che designano:

  • Variabili qualitative Quelli che designano solo una qualità o un attributo. Ha o non ha una qualità o ha un grado maggiore, minore o uguale. È suddiviso in classi reciprocamente esclusive o esaustive. Un oggetto non può appartenere a più di una classe e tutti gli oggetti possono essere assegnati a una classe.
  • Variabili dicotomiche, mute o variabili "fittizie". Hanno solo due classi o categorie. Di solito è codificato come (0 e 1) Ex. Grado di apertura (aperto o chiuso). Di solito sono utilizzati nell'applicazione del modello lineare generale (MGL) e nel calcolo della correlazione biseriale puntuale.
  • Variabili politomiche. Ammettono più di due classi o categorie. Es. Religione (cattolici, ebrei, protestanti ...)
  • Variabile quasi quantitativa. Permette un ordine ordinale o una variabile. Variabili quantitative Quelli che designano una quantità.
  • Variabili discrete. Ammettono solo valori interi. Ad es. Frequenza del mal di testa prima di ricevere un trattamento.
  • Variabili continue Ammettono qualsiasi valore lungo la scala reale. Ad esempio tempo di reazione prima di uno stimolo visivo.

Le variabili nominali e ordinali sono qualitative. Le variabili di intervallo o rapporto sono quantitative.

Variabili per il loro ruolo in una funzione o modello. Funzione. Relazione tra variabili in cui a ciascun valore della prima variabile viene assegnato un singolo valore della seconda. Es .: S = c ln E + k (VI)

Variabile indipendente, antecedente o stimolo, predittore, causale, fattore (nella classificazione e designazione di disegni sperimentali). È ciò che il ricercatore manipola. È una forma di energia fisica o sociale, esistente nell'ambiente, a cui l'organismo è sensibile. Permette di prevedere i risultati o di fare previsioni. Una variabile indipendente può essere la "causa" di un'altra variabile. "E" rappresenta la grandezza di ogni stimolo ed è quella che viene prima. Es. Si vuole sapere se la benzodiazepina induce rilassamento. Diverse dosi di questa sostanza vengono quindi prese e somministrate a pazienti ansiosi.

La variabile indipendente sarà le diverse dosi o valori della sostanza. La variabile dipendente, il grado di rilassamento. Disegni: unifattoriale. Un singolo VI fattoriali. Due o più VI Un VI può essere di due tipi a seconda di come sono stati selezionati i loro valori (livelli, condizioni o trattamenti): V. Fisso Indipendente. Quello in cui il ricercatore ne ha scelto livelli specifici per la ricerca. Questa scelta limita le condizioni dello studio offrendo risultati solo per i valori dei livelli scelti. V. Indipendente randomizzato. Quello in cui le condizioni o i livelli di esso sono stati selezionati in modo casuale.

Questa scelta estende l' interpretazione dei risultati della ricerca alla popolazione. (VD) Variabile dipendente, risposta, dell'attività o conseguente che misura l'effetto della modifica nella variabile indipendente. È una sorta di comportamento o reazione che il ricercatore richiede dall'argomento. La "S" rappresenta il comportamento o la reazione che il ricercatore richiede dall'argomento, come conseguenza del cambiamento nel VI.

Denominazioni del DV :

  • Previsione. Quando è il risultato di diversi valori del VI
  • Criteri variabili. Una variabile dipendente che si riferisce alle previsioni.
  • Target o variabile bianca o "target". È una variabile dipendente di cui vogliamo prevedere i risultati utilizzando altre variabili.
  • Strana variabile Se esistesse un'altra variabile al di fuori della relazione cercata e ciò influenzasse la relazione.
  • Esistono due modi per eliminare questo effetto indesiderato: una statistica (con analisi di covarianza)
  • Altra pianificazione della ricerca di controllo.
  • Variabile organismica o variabile del soggetto. È una caratteristica fisiologica o psicologica della materia studiata.

Le sensazioni o le risposte dipendono dall'intensità degli stimoli. Stimolo variabile. Forma di energia fisica dell'ambiente che colpisce l'organismo. Può essere una strana variabile.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Variabili nella ricerca in Psicologia, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di Psicologia Sperimentale.

Raccomandato

Benefici del sedano per la salute
2019
Frattura del pene: che cos'è, sintomi e trattamento
2019
Dieta per insufficienza renale
2019