Le migliori creme antifungine per le infezioni genitali

Immagine: negozi di droga Cafam

Indipendentemente dal sesso, sia gli uomini che le donne possono essere colpiti in qualche momento della loro vita da infezioni fungine o funghi sui genitali, questi diventano abbastanza scomodi e irritanti, specialmente in questa delicata regione.

Le cause sono varie, tuttavia, si verificano spesso quando i lieviti che abitano normalmente in quest'area crescono in modo incontrollato a causa di uno squilibrio nel pH della persona, causando prurito e irritazione. Questo può essere influenzato da diversi fattori come i cambiamenti ormonali dovuti alle mestruazioni, il diabete mellito, l'uso di antibiotici o un sistema immunitario indebolito.

Fortunatamente, questi tipi di infezioni di solito guariscono facilmente con l'uso di creme antifungine per alcuni giorni. La durata del trattamento dipenderà dalla gravità dell'infezione e dalla gravità dei sintomi. Tra le migliori creme utilizzate vi sono il clotrimazolo e il miconazolo. Se vuoi saperne di più su questo argomento, ti invitiamo a continuare a leggere questo articolo di ONsalus sulle migliori creme antifungine per le infezioni genitali.

Funghi genitali: sintomi

I funghi nei genitali possono verificarsi sia negli uomini che nelle donne e i sintomi con cui si manifestano sono abbastanza scomodi da affrontare, di solito con:

  1. Lo scarico vaginale bianco e spesso, molte volte, è una prova grumosa.
  2. Questo flusso manca di odore specifico, tuttavia è diverso dal normale odore vaginale.
  3. Prurito intenso e irritazione nell'area genitale.
  4. Dispareunia o dolore durante i rapporti sessuali.
  5. Bruciore e arrossamento all'interno e all'esterno della vagina e intorno al pene.
  6. Crepe nella vulva o nella vagina.
  7. Infiammazione nella vulva.
  8. Bruciore durante la minzione.
  9. Irritazione e prurito attorno al glande.
  10. Eruzione cutanea e prurito del pene.

Dovresti anche sapere che i sintomi delle infezioni fungine tendono a peggiorare nella fase pre-mestruale e che le infezioni fungine non vengono trasmesse durante il rapporto sessuale.

Secondo il Peruvian Journal of Gynecology and Obstetrics, oltre il 40% delle donne, che non ha alcun disagio per la malattia attiva, ha candida come di consueto nelle loro vagine. D'altra parte, è stato stimato che circa il 75% di tutte le donne, a un certo punto della loro vita, svilupperà infezioni fungine vaginali e, dal 40% al 50%, svilupperà recidive [1].

Crema al clotrimazolo

Una delle creme anitimicotiche per le infezioni nei genitali più utilizzate è il clotrimazolo, commercialmente noto come Canesten vaginale, Mycelex, Lotrimin, Gine Canesten o, nella sua presentazione generica, clotrimazolo vaginale.

Fa parte del gruppo di farmaci antifungini o antifungini imidazolo, la sua funzione è quella di spellare il fungo distruggendo una membrana formata dall'ergosterolo, essendo questo il punto bianco in cui il clotrimazolo agisce efficacemente. Una volta distrutta la protezione del fungo, morirà.

Il clotrimazolo può essere acquistato senza prescrizione medica disponibile su:

  • Crema all'1% (5 g): viene applicata una volta al giorno per 7-14 giorni.
  • Crema al 2% (5 g): applicata una volta al giorno per 3 giorni consecutivi.

Il clotrimazolo agisce efficacemente per:

  • Candidosi vulvovaginale: infezione da Candida Albicans nella vagina e nella vulva delle donne.
  • Balanite: infezione da Candida nel glande dell'uomo.

È importante che una volta iniziato il trattamento, vengano rispettate alcune raccomandazioni come:

  • Non fare sesso durante l'uso della crema al clotrimazolo.
  • Mantenere una corretta igiene dell'area genitale.
  • Completa il trattamento fino alla fine per evitare ricadute.

Dovrebbe essere sospeso solo se ci sono gravi effetti avversi come:

  1. Irritazione.
  2. Masterizzazione.
  3. Eruzioni.

L'uso della crema al clotrimazolo durante la gravidanza dipenderà dalla valutazione dello specialista, tuttavia, di solito è un farmaco abbastanza sicuro da usare durante la gravidanza.

Puoi saperne di più su questo medicinale nell'articolo Crema clotrimazolo: a cosa serve e come viene applicato.

miconazolo

L'attività farmacologica del miconazolo è simile a quella del clotrimazolo che agisce sull'ergosterolo e spoglia il fungo fino alla morte. Commercialmente, è noto come Daktarin ginecologico, Monistat o con il suo nome generico miconazole.

Il miconazolo è altamente efficace in caso di infezioni fungine genitali nella vulva, nella vagina, nel glande o nel prepuzio. La dose dipenderà da ciascun paziente, quindi sarà sempre necessaria una valutazione medica preventiva. Generalmente, la dose standard è:

  • Crema al 2% (5 g) usata una volta al giorno per 7 giorni.
  • Crema al 4% (5 g) usata per 3 giorni consecutivi.

Il suo uso è controindicato solo in caso di reazioni di ipersensibilità prima del trattamento. In tal caso, dovresti consultare immediatamente uno specialista.

D'altra parte, a seconda del paziente, ci sono diversi effetti avversi generalmente lievi e passeggeri:

  1. Rossore e irritazione nella vagina o nel pene.
  2. Disagio vulvovaginale
  3. Bruciore nella zona genitale.
  4. Prurito genitale
  5. Gonfiore nella vagina

Per evitare ricadute, è importante che il trattamento sia completato fino alla fine e non fare sesso durante l'uso della crema di miconazolo.

Il suo utilizzo in caso di gravidanza dipenderà dalla precedente valutazione medica, nonostante ciò, è abbastanza sicuro durante la gravidanza e non comporta complicazioni in gravidanza.

Butoconazle

Un'altra crema antifungina per il trattamento delle infezioni fungine nei genitali è nota come butoconazolo o butoconazolo nitrato. Fa parte del gruppo di medicinali imidazolo usati per le infezioni fungine vulvovaginali.

Il suo meccanismo d'azione non è ben definito, tuttavia, tutto ruota attorno allo stesso meccanismo d'azione dei farmaci del gruppo imidazolo, inibendo la sintesi dell'ergosterolo fino a spogliare il fungo e ucciderlo.

La sua forma d'uso differisce dalle altre per la sua facile applicazione:

  • Applicatore di crema a rilascio prolungato al 2% (5 g) monodose.

Le controindicazioni del nitrato di butoconazolo descritte sono:

  • Ipersensibilità prima della somministrazione di nitrato di butoconazolo.
  • Inoltre, è controindicato usare preservativi (preservativi e diaframmi) fino a 72 ore dopo l'uso del butoconazolo perché i suoi componenti contengono olio minerale che indebolisce questi prodotti.

Le reazioni avverse che alla fine si manifestano sono:

  • Bruciore nella vulva e nella vagina.
  • Prurito vaginale
  • Dolore e gonfiore nella vulva.
  • Dolore addominale
  • Dolore pelvico

Infine, il butoconazolo deve essere usato durante la gravidanza solo se il beneficio giustifica il rischio che il feto possa correre dopo l'uso.

tioconazolo

Un altro farmaco efficace per il trattamento delle infezioni genitali fungine è noto come tioconazolo vaginale, vantaggioso per eliminare la candida che cresce nell'area genitale dopo il normale squilibrio del pH. Il suo meccanismo d'azione è simile ai precedenti, inibendo la sintesi dell'ergosterolo.

La dose raccomandata dal medico di tioconazolo è di unguento al 6, 5% 5 g di dose singola.

Il miglioramento dell'infezione da funghi genitali durante l'uso del tioconazolo può essere notato dopo 7 giorni, tuttavia, la dose indicata non deve essere superata.

Allo stesso modo, il tioconazolo vaginale contiene olio minerale che indebolisce la protezione offerta dai preservativi in ​​lattice, quindi devi fare attenzione dopo aver usato questo farmaco in relazione al controllo delle nascite o alla pianificazione familiare.

Durante il trattamento, evitare di usare:

  1. Vestiti attillati.
  2. Intimo sintetico o in nylon.
  3. Tamponi vaginali
  4. Douches.
  5. Gli spermicidi.

Alcuni degli effetti collaterali che possono essere evidenti dopo la somministrazione di tioconazolo vaginale sono:

  • Disuria o dolore durante la minzione.
  • Sensazione di bruciore
  • Rossore o gonfiore nella vagina.
  • Lieve irritazione vaginale

Inoltre, dovresti evitare di fare sesso dopo il trattamento e fino alla scomparsa dei sintomi di un'infezione genitale da funghi.

terconazol

Infine, tra le migliori creme antifungine per il trattamento delle infezioni genitali c'è il terconazolo, agisce efficacemente sul lievito Candida, è disponibile con il nome generico Terconazole o il suo marchio Terazol dispensato con una prescrizione.

Appartiene al gruppo degli imidazoli, quindi il suo meccanismo d'azione è invariabile rispetto ai precedenti.

Il dosaggio ideale dipenderà dalla valutazione medica pertinente:

  • Crema allo 0, 4% (5 g) applicata una volta al giorno al momento del dimensionamento per 7 giorni consecutivi.
  • 0, 8% di crema (5 g) applicato una volta al giorno prima di coricarsi per 3 giorni consecutivi.

I possibili effetti collaterali che possono essere evidenziati sono:

  • Disuria o dolore durante la minzione.
  • Dolore vaginale
  • Irritazione nella vagina.
  • Prurito nella vagina.

Qualunque effetto collaterale possa verificarsi, dovresti consultare un medico per la valutazione e l'indicazione necessarie o per non continuare con il trattamento.

Le infezioni fungine genitali sono facili da trattare se vengono soddisfatte le indicazioni mediche. Le creme sono facili da applicare e il loro uso riduce la probabilità di recidive fungine nei genitali.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Le migliori creme antifungine per le infezioni genitali, ti consigliamo di inserire la nostra categoria di farmaci e test medici.

riferimenti
  1. Antonio Ciudad-Reynaud. Infezioni vaginali dovute alla candida: diagnosi e trattamento . Rev. Per. Gynecol. Obstet. 2007; 53: 159-166

Raccomandato

Ghiandole salivari gonfie: trattamento
2019
Denti sensibili: cause e trattamento
2019
Perché ho il prepuzio attaccato al glande?
2019