L'azione tutorial nelle scuole

L'attività educativa ha sempre avuto una duplice funzione: da un lato si è occupata della trasmissione della conoscenza, dell'educazione ai valori, delle norme e degli atteggiamenti, ecc. D'altra parte, ha sempre svolto parallelamente un compito specifico di aiuto o orientamento allo studente nel senso di un migliore apprendimento, di una prestazione maggiore, di un'attenzione individualizzata alle esigenze educative specifiche di ogni studente, di preoccupazione per le circostanze personali, di supporto al processo decisionale sul futuro.

L'orientamento educativo si occupa della natura personalizzata e integrativa dell'insegnamento, perché vengono educate persone specifiche, con caratteristiche particolari e individuali. Ma l'intera persona è anche istruita e, pertanto, le diverse aree di sviluppo e le corrispondenti linee educative devono essere integrate. Continua a leggere questo articolo sull'azione tutorial nei centri di insegnamento presso.

Orientamento e tutoraggio come fattore di qualità nell'istruzione

Tra gli aspetti più nuovi e straordinari dell'attuale sistema educativo, vi è la necessità e la convenienza dell'Orientamento come elemento essenziale che favorisce la qualità e il miglioramento dell'insegnamento. In realtà, questa convenienza e necessità di guida, sebbene possa sembrare una novità, non è tale. Ha già un secolo di storia in alcuni dei sistemi educativi più evoluti. Anche in onore della verità, è necessario affermare che il nostro Paese ha un'importante tradizione guida da diversi decenni.

A riprova dell'importanza che l'attuale legislazione attribuisce all'orientamento scolastico, diamo un'occhiata ad alcuni esempi:

  • LOGSE, Titolo IV: Qualità dell'insegnamento.

-Articolo 60: “Tutoraggio e orientamento degli studenti faranno parte della funzione di insegnamento. Il coordinamento di queste attività corrisponde ai centri educativi. Ogni gruppo di studenti avrà un insegnante-tutor. "

  • LEGGE BIOLOGICA 10/2002, del 24 dicembre, sulla qualità dell'istruzione (LOCE):

-Articolo 56, lettera d: "Gli insegnanti delle scuole hanno il tutoraggio degli studenti per orientare il loro apprendimento, trasmettere valori e aiutarli, in collaborazione con i genitori, a superare le loro difficoltà" .

-Articolo 56, lettera e: "Gli insegnanti delle scuole sono responsabili della collaborazione, con servizi o dipartimenti specializzati nell'orientamento, nel processo di orientamento educativo, accademico e professionale degli studenti".

Guida didattica, azione tutorial e piano d'azione tutorial

Intendiamo l'orientamento educativo come "un processo continuo e sistematico di aiuto all'individuo, con la partecipazione di tutti i membri della comunità educativa, che mira a consentire il massimo sviluppo del loro potenziale". L'orientamento che lo studente dovrebbe ricevere nei centri educativi può essere di tre tipi :

  • Personale: è il processo di aiutare un soggetto in modo che raggiunga una conoscenza sufficiente di se stesso e del mondo che lo circonda in modo che sia in grado di risolvere i problemi della sua vita. Il suo scopo d'azione sono le idee, le motivazioni, i valori e si riferisce ad aspetti come le relazioni con gli amici, gli hobby, le possibilità e le difficoltà delle relazioni sociali e, in generale, tutto ciò che influenza il comportamento umano.
  • Accademico: potrebbe essere definito come un processo di assistenza tecnica rivolto alla persona al fine di migliorare le prestazioni accademiche, lo sviluppo delle competenze e l'adattamento al centro di insegnamento.
  • Professionista: si tratta di aiutare l'individuo a trovare un'occupazione professionale adatta a lui o, una volta trovato, a svilupparlo adeguatamente, considerando le sue attitudini e le esigenze della società.

Allo stesso modo, l'orientamento educativo può essere sviluppato in un doppio ambito:

  • Individuale: quello dato a ciascun studente in particolare, e si svolge principalmente nel colloquio personale periodico con ciascuno degli studenti da parte del tutor e in alcuni casi da personale specializzato dei Gabinetti di orientamento educativo (GOE).
  • Gruppo: quello che viene dato a tutti coloro che compongono un gruppo e che ha mezzi molto diversi: colloqui, conferenze, test, dinamiche di gruppo, ecc.

Piano d'azione del tutorial

Resta inteso dall'azione del tutoraggio o tutoraggio di quel set di attività che un insegnante svolge con un gruppo di studenti che hanno appositamente affidato, allo stesso tempo e parallelamente all'insegnamento, essendo compiti non strettamente istruttivi ma che tengono conto, soprattutto, del aspetti formativi e di guida degli studenti . La persona che esegue l'azione del tutorial all'interno di un gruppo di studenti è chiamata tutor.

Orientamento e tutoraggio sono due concetti correlati tra loro che in molti modi sono confusi. Da un senso ampio e globale, l'orientamento è una funzione che supera una persona. Tutti gli insegnanti, i tutor e l'Ufficio di orientamento scolastico (GOE) sono coinvolti nell'orientamento. Il tutoraggio è l'orientamento sviluppato dal tutor con un gruppo di studenti . Cioè, il mentoring è un sottoinsieme dell'orientamento. Questo è il motivo per cui possiamo capire che, quando si fa riferimento alla guida in generale, è incluso anche il tutoraggio.

Il mentoring non è un'azione che si svolge in modo isolato, ma deve essere soggetto a un'adeguata pianificazione e organizzazione. Questa performance educativa programmata è ciò che chiamiamo piano d'azione di esercitazione (P.AT.). Comprende gli obiettivi e le linee d'azione che durante il corso i tutor svilupperanno con gli studenti di quel centro. Alcuni di questi obiettivi o blocchi di azione generale sono i seguenti:

  • L'accoglienza all'inizio del corso di ogni studente nel gruppo e nella scuola.
  • La promozione della partecipazione degli studenti nel loro gruppo e nella vita della scuola.
  • Monitoraggio e coordinamento del processo di valutazione.
  • L'attenzione individualizzata degli studenti.
  • Guida e supporto nell'apprendimento.
  • L'orientamento accademico e professionale.

Il PAT (Tutorial Action Plan) è, quindi, la risposta sistematicamente fornita da un centro educativo per personalizzare il processo di insegnamento-apprendimento, il quadro in cui i criteri e le procedure per l'organizzazione e il funzionamento di tutoraggio e dovrebbe coinvolgere tutti i componenti del team educativo: GOE, tutor e insegnanti. Sebbene l'orientamento educativo sia rivolto principalmente allo studente, in modo globale, include anche attività rivolte a tutor e insegnanti per aiutarli nello sviluppo dei loro compiti nell'ambito specifico delle scuole. Questo tipo di orientamento è fornito dal Center Orientation Office (GOE) e al suo interno dal consulente specializzato in psicologia e pedagogia.

Differenza tra tutor e psicologo

tutor:

  • È fondamentalmente un insegnante.
  • Esercitare il lavoro preventivo.
  • Si prende cura di tutti gli studenti, non solo di quelli che hanno seri problemi.
  • Si occupa di conflitti quotidiani di gruppo e di apprendimento.
  • Ha funzioni di consiglio.
  • Esercita il suo lavoro a contatto con lo studente. Vive quotidianamente con lui.

Psicologo / pedagogo:

  • Sono gli esperti di orientamento.
  • Esercitano una funzione clinica di diagnosi e cura.
  • Trattano gli studenti più difficili e problematici.
  • Trattano problemi comportamentali, sociali, disturbi del carattere, ecc.
  • Sono professionisti in un'azione specializzata di consulenza tecnica.

Argomenti del processo di orientamento

I principali agenti coinvolti nel processo di orientamento nelle scuole sono:

Sede Studi

È coordinatrice dell'orientamento in un centro educativo, esercitando il suo ruolo agglutinante di servizi di orientamento e tutor. Alcune delle sue funzioni sono:

  • Nomina tutor
  • Supervisionare lo sviluppo del PAT e formulare proposte al riguardo
  • Convocare incontri di coordinamento con tutor e insegnanti, proposti dal GOE
  • Garantire la pianificazione delle sessioni di tutoraggio nei diversi corsi.

L'insegnante

L'insegnante, come semplice insegnante, è già un consigliere. L'attività di insegnamento, in quanto relazione insegnante-studente, non si esaurisce nella mera attività di insegnamento-insegnamento. La situazione di uno studente in un centro di insegnamento, oltre ad essere una situazione accademica, è innegabilmente e principalmente una situazione di formazione. Questo è senza dubbio l'aspetto più dignitoso delle funzioni svolte dall'insegnante.

Il tutor

È quell'insegnante che coordina l'azione del tutorial di un gruppo di studenti. Il loro ruolo sarà coordinare e sviluppare l'azione del tutorial con i loro studenti attraverso uno stretto coordinamento con l'intero gruppo di insegnanti che insegnano in quel gruppo. Alcune delle attività che il tutor sviluppa nell'ambito della programmazione dell'azione tutorial, tenendo conto dei sei blocchi di attività del PAT, di cui sopra, sono le seguenti:

  • L'accoglienza all'inizio del corso di ogni studente nel gruppo e nella scuola :

All'inizio del corso, il tutor di ogni corso terrà una sessione di accoglienza con il suo gruppo in cui fornirà agli studenti informazioni sul calendario scolastico, gli orari, gli insegnanti del corso, la distribuzione di aule e laboratori, le norme che li riguardano, ecc., nonché una spiegazione degli obiettivi e dei contenuti del piano d'azione del tutorial pianificato per ciascun corso e delle funzioni del tutor.

  • La promozione della partecipazione degli studenti al gruppo :

Durante il corso ci saranno attività specifiche (dinamiche di gruppo) volte a facilitare la conoscenza reciproca tra gli studenti, la creazione di un gruppo unito e coeso, gli studenti che imparano a valorizzare la partecipazione e il lavoro cooperativo e raggiungere un clima adeguato. di convivenza. Periodicamente, all'interno del tutoraggio di gruppo verrà riservato un tempo specifico per analizzare i problemi di convivenza e apprendimento comuni nel gruppo in modo ordinato e sereno e attraverso il dialogo.

  • Monitoraggio e coordinamento del processo di valutazione :

Il tutor collaborerà alla pianificazione del calendario dei test di valutazione, garantendo che sia equilibrato. Prima di ogni sessione di valutazione, il tutor raccoglierà proposte e suggerimenti dai suoi studenti che potrebbero essere rilevanti per il gruppo di professori, nonché l'analisi che il gruppo stesso esegue sulla sua performance. Il tutor informerà i suoi studenti dopo ogni sessione di valutazione su ciò che è stato sviluppato e concordato, specificando e comunicando le misure di recupero specifiche per il gruppo o gli studenti che ne hanno bisogno.

  • L'attenzione individualizzata degli studenti :

Il tutor condurrà colloqui individuali con studenti con problemi personali, accademici o di adattamento ogni volta che sarà necessario. Se necessario, il tutor invierà studenti che necessitano di un'attenzione specializzata su GOE.

  • Guida e supporto nell'apprendimento :

Durante il corso, il tutor otterrà informazioni pertinenti sull'evoluzione di ogni studente nelle diverse materie e sui loro bisogni educativi per aiutarli a superare le difficoltà. Aiuterà a sviluppare tecniche di studio, sensibilizzando gli studenti sull'importanza di utilizzare strategie di apprendimento appropriate.

  • Orientamento educativo e professionale :

-Fornire agli studenti informazioni sulle diverse opzioni educative o lavorative relative a ciascuna fase educativa, e in particolare su quelle offerte nel loro ambiente.

- Gabinetto di orientamento educativo (GOE): l'orientamento è proposto come una procedura di aiuto. Attualmente ci sono alcuni servizi di orientamento che coordinano questo compito: The Educational Guidance Cabinets (GOE). All'interno del (GOE), il consulente è lo specialista in psicologia e pedagogia che deve, tra le altre funzioni, collaborare e fornire l'aiuto necessario affinché il tutor e il team di insegnanti possano svolgere efficacemente l'azione del tutorial .

Attività del gabinetto di orientamento educativo

Vediamo di seguito alcune delle attività fondamentali dei gabinetti di orientamento educativo (GOE):

  • Programma periodicamente sessioni di tutoraggio durante l'anno scolastico (settimanali o bisettimanali).
  • Proporre riunioni di coordinamento. Vengono effettuati periodicamente e mirano a stabilire un canale di comunicazione e coordinamento, fluido e costante tra tutte le persone coinvolte nell'azione tutorial: tutor, insegnanti e Educational Guidance Office (GOE).
  • Preparare e fornire documentazione ai tutor. L'Ufficio di orientamento educativo (GOE) è responsabile dello sviluppo delle linee guida generali del Piano d'azione tutoriale (PAT), nonché della documentazione e delle informazioni necessarie per i tutor.
  • Intervista e valutazione di studenti con problemi di rendimento accademico o problemi di adattamento indicati dai tutor.
  • Eseguire interventi personalizzati e relazioni psicopedagogiche di quegli studenti con problemi di adattamento e apprendimento che lo richiedono durante tutto l'anno scolastico.
  • Applica questionari e sondaggi d'opinione. Questi tipi di questionari hanno l'obiettivo di conoscere l'opinione dello studente in merito a vari aspetti relativi alla qualità e al miglioramento dell'insegnamento nei centri di formazione educativa, quali: curriculum, personale docente, materie, strutture e servizi, relazioni sociali, regime interno e PAT stesso.
  • Applicare test sociometrici per conoscere la struttura informale della classe di gruppo: verificare chi sono i soggetti preferiti, rifiutati, ignorati o messi a tacere all'interno del gruppo, identificare i sottogruppi esistenti all'interno del gruppo con i rispettivi leader, ecc.
  • Fornire seminari e conferenze per gli studenti sulle tecniche di studio, prevenzione della tossicodipendenza, tecniche di gestione dello stress e dell'ansia, ecc.

conclusione

Obiettivi didattici, oltre alla trasmissione di conoscenze e procedure, educazione a valori, norme e atteggiamenti; In breve, il pieno sviluppo personale degli studenti, uno sviluppo che implica, da parte degli insegnanti, l'esercizio della funzione tutorial. L'atto educativo non si esercita solo in relazione al gruppo di insegnamento, né si svolge esclusivamente all'interno della classe. In questo senso, l'orientamento è il processo di aiutare un soggetto a conoscere se stesso e la società in cui vive, in modo che possa raggiungere il suo massimo ordine interno e la sua maggiore integrazione nella società. Orientamento e tutoraggio sono identificati con l'educazione, ne sono una parte essenziale. Pertanto la pratica dell'insegnamento deve incorporare la dimensione guida, perché l'educazione deve guidare per la vita.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se vuoi leggere altri articoli simili a The Tutorial Action nelle scuole, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di Istruzione e tecniche di studio.

Raccomandato

I diversi tipi di invidia
2019
Malattia viola: cause, sintomi e trattamento - con foto
2019
Rimedi domestici per cute secca
2019