Il penny alla menta piperita ha teina?

I benefici della menta piperita o del peperoncino Poleo sono noti da secoli. È una pianta aromatica appartenente al genere Mentha che cresce in luoghi umidi. Il suo nome scientifico è Mentha pulegium e si ritiene sia originario del bacino del Mar Mediterraneo e dell'Asia occidentale.

È una pianta ampiamente usata e molti benefici per la salute sono attribuiti ad essa. Di solito è preso come un infuso per le sue proprietà rilassanti e digestive. Questa pianta, come l'infusione che ne viene prodotta, contiene alcuni composti chimici responsabili di questi benefici. Molti si chiedono cosa contenga.

Ecco perché in Onsalus ti risponderemo se la menta piperita ha teina?

Che cos'è il Poleo alla menta piperita?

La menta Poleo è una pianta a foglia lanceolata verde scuro, con steli quadrangolari che possono misurare tra 30 e 40 centimetri. I suoi fiori sono rosati. Questa pianta appartiene al genere Mentha, in cui una serie di piante erbacee perenni che sono state a lungo utilizzate, sia in gastronomia che in campo farmaceutico, sono raggruppate perché sono piante aromatiche con proprietà benefiche per la salute.

Il genere Mentha è molto ampio e comprende un gran numero di varietà praticamente diffuse in tutto il mondo. Include alcune specie pure e altri ibridi. Tra i più noti ci sono:

  • Mentha spicata (menta piperita o menta piperita).
  • Mentha suaveolens (Mastranto).
  • Mentha pulegium (Poleo, Poleo alla menta o Poleo alla menta).
  • Mentha piperita (è un ibrido sterile tra M. aquatica e M. Spicata, è popolarmente conosciuta come menta piperita, monte yuyo, menta melissa o menta piperita ).

Nel caso del Mentha pulegium, è una pianta con un odore e un sapore freschi che viene utilizzata principalmente come infusione. Può anche essere usato sotto forma di olio essenziale, ma in questo caso si consiglia di consultare un professionista perché è potenzialmente velenoso, quindi fare attenzione alle quantità utilizzate.

Menta Poleo ha teina?

Theine è un alcaloide naturale di alcune piante. Questo derivato chimico ha effetti stimolanti sul sistema nervoso centrale ed è presente in diverse concentrazioni in diversi tipi di tè ma non è presente in tutte le piante o in diverse infusioni. Molti si chiedono se la menta piperita abbia teina?

Gli studi sulla pianta del Mentha pulegium mostrano che il principio attivo di questa pianta è un altro e non ha nulla a che fare con la teina, cioè la menta piperita non ha teina . In effetti, gli effetti del tè e dell'infusione di menta piperita sono diversi. Secondo gli studi sulla composizione della pianta del Mentha pulegium, contiene principalmente:

  • Chetoni: tra cui il pulegone è il componente di maggioranza; È accompagnato da altri in misura minore come piperitenone, mento e isomentone. Questi componenti sono responsabili delle loro proprietà benefiche per il sistema digestivo.
  • Alcoli: mentolo, 3- ottanolo, linalolo, isomentolo, neomentolo, neoisomentolo.
  • Esteri: acetato di metile.
  • Idrocarburi: alfa e beta-pinene, limonene, p-cimeno, dipentene, can-feno.
  • Flavonoidi : Diosmoside e Hesperósido. A questi composti vengono attribuite proprietà medicinali antiossidanti, antitrombotiche, depurative del sangue e antitumorali.
  • Inoltre, contiene una grande quantità di acidi e sali minerali .

Alcuni studi hanno determinato che le concentrazioni dei diversi componenti variano in base a: lo stato di sviluppo delle piante quando vengono raccolte, le condizioni fisiche e i fattori ambientali. Ma i componenti variano anche a seconda del modo in cui vengono consumati. Nell'infusione alcuni elementi scompaiono poiché non sono solubili in acqua, come nel caso degli idrocarburi. Al contrario, il pulegon è concentrato, il che è importante ricordare che ad alte concentrazioni è molto tossico.

Oltre alla menta piperita, altre infusioni che non contengono teina o caffeina sono rooibos, camomilla, equiseto o erba opaca.

Menta piperita: proprietà

Il più grande beneficio del pennyroyal alla menta piperita se assunto come infusione è la sua azione sul sistema digestivo. Questa è una caratteristica praticamente dell'intero genere Mentha ed è per questo che il suo uso è molto frequente in tutto il mondo. In particolare, le seguenti proprietà salutistiche sono attribuite a Mentha pulegium o menta piperita assunti come infusione:

  • Digestivo e carminativo : la menta piperita viene utilizzata principalmente per alleviare malattie digestive come bruciore e indigestione, anche per eliminare la flatulenza e curare le disfunzioni vescicolari.
  • Antipiretico e influenza: è ampiamente raccomandato per il trattamento dei sintomi del raffreddore e delle condizioni respiratorie, nonché per ridurre la febbre. Aiuta anche a decongestionare le vie respiratorie. Inoltre, ha proprietà antimicrobiche e antisettiche che aiutano a purificare l'intero corpo dagli organismi infettivi.
  • Diuretico e depurativo: ha proprietà diuretiche che aiutano l'organismo a eliminare le tossine attraverso le urine, quindi viene utilizzato anche nei regimi dimagranti. Aiuta anche a purificare il fegato, quindi viene spesso utilizzato anche per i postumi di una sbornia.
  • Sedativo: alcune delle sostanze chimiche presenti in questa pianta hanno un effetto calmante perché agiscono sui nervi che generano la sensazione di dolore. Viene anche usato in caso di disturbi del sonno. Anche l'olio essenziale di menta piperita viene utilizzato per crisi isteriche, a causa della sua azione sui nervi e sul cervello.

Poleo Mint: controindicazioni ed effetti collaterali

La menta piperita è estremamente velenosa quando i suoi componenti chimici sono in concentrazioni molto elevate, come nel caso dell'olio essenziale in cui gli ingredienti attivi sono concentrati durante la lavorazione della pianta. In effetti, questo è stato il motivo per cui è stato cercato di regolare la quantità e la qualità delle piante utilizzate, poiché il loro effetto terapeutico dipende da esso.

Il pulegone, che, come abbiamo già detto, è uno degli ingredienti attivi del Mentha pulegium, in alte concentrazioni può essere fatale ; È molto tossico. A causa del suo uso frequente nell'industria alimentare e dolciaria europea, sono state regolamentate le concentrazioni consentite fino a 250 ppm in dolciumi e 20 ppm in altri alimenti.

In ogni caso è importante essere attenti all'uso della menta piperita, in quanto è controindicato nelle seguenti circostanze :

  • Durante la gravidanza e l'allattamento.
  • Le persone allergiche alla menta piperita.
  • Le persone che soffrono di ipoglicemia.
  • Persone anemiche.

Raccomandiamo sempre di consultare il medico curante prima di iniziare qualsiasi trattamento o cambiare abitudini.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili a La menta piperita contiene teina?, ti consigliamo di inserire la nostra categoria di alimenti.

Raccomandato

Aglio per trattare le emorroidi in modo naturale
2019
Pronto soccorso per distorsioni
2019
Operazioni concrete - Aspetti qualitativi o quantitativi
2019