A cosa servono le cellule staminali: qual è la loro funzione e dove vengono ottenute?

Il corpo umano contiene molti diversi tipi di cellule che fanno funzionare correttamente il corpo. Tra questi, ci sono le cellule staminali, un tipo di cellule che possono auto-rinnovarsi, cioè si formano cellule identiche che possono esercitare la funzione di qualsiasi altra, motivo per cui sono così importanti. Dal momento che possono dare origine a diversi tipi di cellule, servono a rigenerare gli organi e i tessuti del corpo. Possono dividere senza limiti e sostituire le celle danneggiate. Quando uno di loro si divide, può rimanere una cellula staminale o diventare un altro tipo con una funzione specifica. Attualmente, grazie alle loro proprietà, le cellule staminali vengono utilizzate come trattamento in alcune malattie e sono ancora oggetto di studio con esse. In questo articolo di ONsalus spieghiamo a cosa servono le cellule staminali.

Qual è la funzione delle cellule staminali e perché sono così importanti

Le cellule staminali sono molto importanti nel corpo, poiché producono i tre principali tipi di globuli che sono globuli rossi, globuli bianchi e piastrine, cellule di cui abbiamo bisogno per essere vivi.

  • I globuli rossi sono responsabili del trasporto di ossigeno dai polmoni al resto del corpo e del ritorno dell'anidride carbonica.
  • I globuli bianchi, nel frattempo, vengono utilizzati per combattere le infezioni causate da batteri, virus o funghi. Possono essere di due tipi: neutrofili, che combattono le infezioni batteriche o linfociti, che producono anticorpi contro le infezioni, poiché respingono le cellule che non appartengono al corpo, come i germi. In questo caso, di solito rimuovono anche le cellule trapiantate di un'altra persona, poiché sono considerate agenti estranei al corpo.
  • Le piastrine, nel frattempo, sono parti di cellule la cui funzione è quella di sigillare i vasi sanguigni danneggiati e aiutare il sangue a coagulare.

Queste cellule sono presenti dalla formazione del feto. L'embrione contiene materiale genetico versatile, che sono le cellule staminali, che producono più cellule staminali e tessuti che formeranno il corpo.

Ci sono più cellule staminali immature nell'embrione e nel sangue del cordone ombelicale di un neonato. Quando cresciamo, nel nostro corpo, queste cellule si trovano in molti tessuti come midollo osseo, grasso, sangue e altri organi come il cuore.

Quali malattie curano le cellule staminali

Ci sono molte ricerche che affermano che le cellule staminali coltivate da un embrione potrebbero sostituire le cellule danneggiate con alcune malattie come il diabete, le malattie cardiache, il Parkinson e altre. Tuttavia, solleva problemi etici, poiché nel processo di estrazione delle cellule staminali, l'embrione viene distrutto. Tuttavia, attualmente vengono utilizzate cellule staminali raccolte dal cordone ombelicale.

Per anni, le cellule staminali sono state utilizzate per trattare malattie del sangue come leucemia, linfomi, anemie gravi, problemi di coagulazione o del sistema immunitario o anemie secondarie. Servono per curare questo tipo di malattia poiché, come abbiamo visto, hanno la capacità di dividere ed essere in grado di formare qualsiasi tipo di cellula con funzione specializzata senza modificarne le proprietà. Inoltre, producono i principali tipi di cellule del sangue. Quello che succede è che quando trapiantate vicino a cellule danneggiate, le cellule staminali si distinguono come sane e si moltiplicano su se stesse curando la malattia.

Dove si ottengono le cellule staminali e come vengono utilizzate nei trattamenti

Ciò che viene fatto è un trapianto attraverso una trasfusione di sangue. Le cellule staminali si trasformano in globuli rossi sani, globuli bianchi e piastrine causando la guarigione della malattia. Sono raccolti dal cordone ombelicale, ma deve essere fatto relativamente rapidamente, poiché il cordone rimane vivo tra la nascita del bambino e la placenta.

Per fare questo, una volta partorito il neonato, viene inserito un morsetto nel cordone ombelicale, il più vicino possibile al corpo del bambino. La placenta impiega dai 5 ai 7 minuti per staccarsi. È in questo momento che la vena ombelicale viene perforata e il sangue viene raccolto in sacchi specifici.

Tuttavia, il cordone ombelicale non è l'unica area da cui è possibile estrarre le cellule staminali. Hai mai sentito parlare del trapianto di midollo osseo ? In questo caso, vengono trapiantate anche le cellule staminali. Tuttavia, nel caso degli adulti, queste cellule hanno memoria immunologica e, quindi, il corpo ricevente potrebbe rilevarle come corpi estranei e rifiutare il trapianto. Qualcosa che non accade con il cordone ombelicale, poiché sono nuovi e non sono stati esposti a nulla.

La compatibilità delle cellule staminali del cordone ombelicale con altre persone dipenderà dalle caratteristiche genetiche. Pertanto, serviranno in quel bambino quasi il 100%, nei loro genitori la compatibilità sarà del 50% e nei loro fratelli sarà inferiore.

Ci sono studi che dimostrano che potrebbero anche rigenerare altri tipi di tessuti come fegato, pancreas, cardiaco, sistema nervoso o persino pelle. Tuttavia, sono studi sperimentali. Gli scienziati continuano a studiare le cellule staminali e il loro contributo alla salute, quindi è possibile che in futuro ci saranno molti più trattamenti con queste importanti cellule del nostro corpo.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili a A cosa servono le cellule staminali - qual è la loro funzione e dove sono ottenute, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di Sistema immunitario.

Raccomandato

Eosinopenia: di cosa si tratta, cause, sintomi e trattamento
2019
Tecnica di inoculazione di stress
2019
Come guarire le ferite dell'anima e del cuore
2019