Come stimolare il nervo vago naturalmente

Quando parliamo del sistema nervoso e dei suoi elementi più importanti, si pensa comunemente al cervello e al midollo spinale, così come ai nervi responsabili dei sensi che ci permettono di interagire con l'ambiente. Tuttavia, nella nostra cultura popolare, una parte cruciale del sistema nervoso è stata lasciata da parte, perché regola le funzioni interne ma ancora più importante perché ci consente di diventare consapevoli e persino di avere un certo controllo di tali sistemi.

Quella parte è costituita da uno dei nervi cranici del cervello, chiamato "nervo vago" che anche da antiche pratiche come lo yoga e il tai chi è considerato un elemento cruciale per la buona salute, perché funge da ponte comunicativo con il nostro corpo per gestire le nostre emozioni e anticipare le malattie. In ONsalus spieghiamo come stimolare il nervo vago naturalmente e mantenerlo sano.

Il nervo vago e la sua importanza

Il nervo vago è la decima coppia o nervo cranico, che si estende dal bulbo spinale (tronco cerebrale) a vari organi e ghiandole come:

  • trachea
  • esofago
  • laringe
  • bronchi
  • cuore
  • stomaco
  • pancreas
  • fegato
  • viscere

È un ponte cruciale di connessione tra il cervello e la nostra consapevolezza del nostro sistema digestivo e respiratorio. Le estensioni di questo nervo cranico sono talvolta classificate come un secondo cervello o cervello emotivo, perché ci consente anche di avere le diverse emozioni che ci caratterizzano come esseri viventi, ma la loro salute ci consente di regolare quelle emozioni e impulsi, invece di traboccare .

Le tradizioni millenarie hanno coltivato esercizi e strumenti per la cura e l'ottimizzazione di questo "cavo" comunicativo, poiché affermano di connettersi anche con il principale centro di energia vitale ( prana o chi ) del corpo e consentire alla persona di avere vitalità durante il giorno.

Massaggio per stimolare il nervo vago

Per questo esercizio, siediti in una posizione comoda dove puoi respirare completamente. Da quella postura inizia a contrarre rapidamente la pancia, circa 2 volte al secondo, come se lo mettessi dentro.

Tale pompaggio può essere fatto contenendo quanta più aria possibile (e smetti di espirare e inspira di nuovo) diverse ripetizioni, o espirando ogni volta che pompi ininterrottamente. Per fare questa tecnica devi aspettare almeno 1-2 ore dopo aver mangiato o bevuto qualcosa di diverso dall'acqua.

Questa semplice tecnica non ha bisogno di essere forte nella schiena o in troppi muscoli, quindi è fattibile per molti casi clinici, ma servirà da scanner molto efficiente per la tua salute. Questi sono alcuni indicatori e i loro possibili significati :

  • Se fa male al centro del ventre, dall'ombelico, è certo che hai un'infiammazione intestinale o una condizione che di solito passa inosservata in una persona sedentaria.
  • Se fa male ai lati del ventre, dovrebbero essere presenti un'infiammazione dell'intestino crasso o una costipazione grave, che può portare a malattie croniche che non vengono curate.
  • Se ti fa male la testa, potresti dover aspettare ancora più a riposo dopo aver mangiato o avere problemi con la digestione dell'ultimo pasto.
  • Se hai difficoltà a controllare la frequenza respiratoria, devi prenderti cura della salute dei tuoi organi respiratori e probabilmente sei una persona che ha difficoltà a canalizzare le proprie emozioni quando emergono, poiché chi non regola la propria respirazione non è in grado di regolarsi.

Queste tecniche sono generalmente precedute o seguite da diverse ripetizioni di respirazione profonda e meditazione.

Come attivare il nervo vago per rigenerare il corpo

Gli esercizi di tonificazione addominale sono eccellenti a questo scopo, chiarendo che gli addominali non sono solo il sollevamento ripetitivo del busto o delle gambe, ma ci sono altre alternative con cui lavorare questa zona del corpo. Alcuni addominali sono:

  • Addominali superiori : i classici, su e giù per il busto.
  • Abbassi gli addominali : alzando le gambe a 90º (o qualunque cosa tu possa) e abbassandole.
  • Crunch : eseguire contemporaneamente addominali superiori e ginocchia al petto.
  • Portare le gambe al petto e abbracciarle inspirando, quindi allungarle e sospenderle brevemente a 30º rispetto al suolo.
  • Piatti : appoggiarsi sui gomiti alla larghezza delle braccia e delle mani insieme. Corpo allungato e schiena appoggiata sulle dita dei piedi. 30 secondi a 1 minuto.
  • Posizione della piattaforma : tieni le mani e con le braccia tese alla larghezza delle spalle, mantieni il corpo allineato dal collo alla punta per circa 30 secondi a 1 minuto. per maggiore difficoltà non riposare sulla punta dei piedi ma sui collo del piede.
  • Gambe in sospensione 30º : con i piedi appuntiti e il busto e le mani appoggiate a terra. Fai un respiro profondo o pompa fino a quando non riesci più a sopportarlo e abbassa le gambe. Cerca di sopportare sempre più tempo.

Il rinforzo addominale costante è necessario per tonificare la parete addominale, in modo che i tuoi organi abbiano abbastanza spazio per funzionare correttamente. Gli esercizi in cui l'addome è allungato sono importanti - e non solo le contrazioni - come nel caso degli ultimi 3, perché con essi annulliamo le possibili tensioni accumulate in questi muscoli che ostacolano il corretto funzionamento del nervo vago.

Attiva il nervo vago con il cibo

Il legame tra il nervo vago e il cibo va oltre la sua innervazione nel sistema digestivo. La flora intestinale o microbiota, è un insieme di milioni di batteri che sono responsabili per aiutare a digerire il cibo e aiutare in una grande varietà di funzioni, tra le quali sta influenzando le nostre preferenze sul cibo e le emozioni viscerali che Guidano alcune delle nostre azioni. Questo grazie al suo ruolo nell'alcalinizzazione o acidificazione dell'ambiente intestinale che viene percepito attraverso il nervo vago e interpretato come sano, armonico o indesiderato e può anche danneggiare il nervo vago stesso.

Una dieta corretta consente al nervo vago di funzionare meglio e inoltre la nostra salute emotiva e digestiva è armonizzata. È importante evitare o ridurre:

  • Farine e carboidrati semplici
  • Pasticcini e dolci raffinati
  • Sucralosio o Splenda
  • Animali da latte
  • Carni lavorate

D'altra parte, l'assunzione dei seguenti alimenti dovrebbe essere mantenuta o aumentata :

  • Verdure Verdi
  • papaia
  • fichi
  • Aglio e cipolla

Nervo vago: stimolazione con acqua fredda

Un bagno di acqua fredda - così breve per 2 minuti - stimola il nervo vago a bilanciare le sue funzioni. Se è al mattino subito dopo il risveglio, consentirà al corpo di attivare tutta la sua energia per un giorno con più vitalità e con un migliore funzionamento della nostra digestione e respirazione.

L'esposizione ad ambienti freddi (che non si corre il rischio di una chiara ipotermia), aiuta il sistema a ricordare una delle funzioni più importanti per cui è nato, distribuendo calore al corpo.

Danza per stimolare il nervo vago

Ultimo ma non meno importante e divertente è ballare. Ballare spontaneamente e per lungo tempo richiede coordinazione del corpo, è attività fisica e a sua volta stimola tutti i visceri a livello addominale.

D'altra parte, lo studio di una forma di danza in particolare funzionerà in un modo o nell'altro sulla correzione posturale, che induce necessariamente una migliore funzione del nervo vago, poiché la maggior parte degli stili di danza esistenti focalizza l'attenzione sul contrazione del punto ombelicale.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come stimolare il nervo vago in modo naturale, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di cervello e nervi.

Raccomandato

Criteri per la diagnosi del ritardo mentale
2019
Obiettivi terapeutici della depressione
2019
Clinica Isadora
2019