Come ridurre il gonfiore del viso

Il gonfiore del viso, noto anche come edema o infiammazione del viso, si verifica spesso a causa di un'ampia varietà di cause che possono variare da infezioni, lesioni facciali e reazioni allergiche.

Il volto è la lettera di presentazione delle persone, quindi i cambiamenti che si verificano in essa influenzano l'autostima e la loro sicurezza. Allo stesso modo, questa alterazione può anche essere l'avvertimento di alcune malattie. Se vuoi sapere di più su come ridurre il gonfiore del viso, continua a leggere questo articolo di ONsalus.

Perché il viso si gonfia - cause

Le cause che danno origine al gonfiore del viso sono molteplici e, tra queste, possiamo trovare:

Viso gonfio per reazione allergica

  • Rinite allergica: innescata da una reazione allergica derivante dal contatto con determinate sostanze o elementi in grado di causare questa reazione. A questo punto è necessario menzionare: polvere, peli di animali e polline. Ciò provoca l'infiammazione dei seni e l'area del viso in cui si trovano.
  • Reazione farmacologica: l'assunzione di alcuni medicinali può causare la comparsa di infiammazione del viso, causata da una reazione allergica.
  • Morso di insetto : il morso di un insetto nelle persone allergiche può generare una reazione nel sito del morso. Se è sul viso, è immediatamente presente un edema della zona interessata.
  • Angioedema: è un edema che si manifesta a livello della pelle, della mucosa e dei tessuti sottomucosi, può essere causato da una reazione allergica o secondario all'assunzione di alcuni farmaci, come antinfiammatori non steroidei o ipotensivi, come l'enalapril. Questo gonfiore è caratterizzato dalla presenza nella regione del viso, della lingua, delle palpebre, della mucosa della bocca e può durare alcune ore.

Gonfiore del viso da infezioni

  • Cellulite facciale: è una cellulite infettiva causata da batteri, noti come streptococco e stafilococco, che colpiscono la pelle e i muscoli del viso. Il suo sintomo caratteristico è il gonfiore del viso, oltre a dolore, malessere e persino febbre.
  • Congiuntivite: è l'infiammazione della congiuntiva oculare, può essere causata da un processo infettivo virale, batterico o allergico. Tende a generare gonfiore delle palpebre e del viso.
  • Porcili: è un aumento del volume che appare rossastro sul bordo delle palpebre a causa di un'infezione batterica o della ghiandola di Meibomio, che provoca il blocco delle ghiandole sebacee e il caratteristico edema palpebrale, che può influenzare il viso
  • Sinusite: è un'infiammazione dei seni paranasali, che è presentata da infezione, allergia o raffreddore comune. Tra i suoi sintomi ci sono congestione nasale, mal di testa, gonfiore del viso, in particolare. nella zona nasale e frontale.
  • Ascesso dentale: è causato da un'infezione di origine batterica in un pezzo dentale, in cui l'accumulo di batteri può provocare la presenza di pus. Di solito, è causato dalla presenza di carie o traumi.

Malattie che causano gonfiore del viso

Alcune malattie possono anche causare infiammazione del viso:

  • Ipotiroidismo : è causato da un'alterazione della ghiandola tiroidea, causando una mancanza di metabolismo e innescando così una serie di sintomi, tra cui gonfiore del viso.
  • Sindrome nefrosica: è un'alterazione che si verifica quando i glomeruli renali che fanno parte dei reni smettono di funzionare correttamente, il che si traduce in un aumento del passaggio delle proteine ​​ai reni. Questa malattia è in grado di innescare la presenza di numerosi sintomi, tra cui edema o gonfiore del viso, in particolare intorno agli occhi.
  • Glomerulonefrite post-streptococcica: si tratta di una malattia renale prodotta dopo l'infezione di alcuni ceppi del batterio noti come streptococco. Si manifesta nella zona della gola o sulla pelle, nonostante sia una malattia renale, non ha origine nei reni. Questa infezione fa gonfiare i piccoli vasi sanguigni, situati nei glomeruli, che avranno una capacità inferiore di filtrare l'urina. Uno dei sintomi che caratterizza questa malattia è la presenza di gonfiore o edema nel viso, negli occhi e in altre parti del corpo.
  • Sindrome della vena cava superiore: una serie di sintomi che si verificano a causa della compressione o dell'ostruzione della vena cava superiore. Questa vena è il corpo principale, è responsabile del trasporto di sangue dalla testa, dal collo, dalla parte superiore del torace, dalle braccia al cuore. La causa principale di questa ostruzione è dovuta al cancro, cioè alla presenza di tumori che comprimono la vena e impediscono il libero flusso di sangue. Il sintomo che caratterizza questa alterazione è il gonfiore a livello del viso, del collo e della parte superiore degli arti superiori.

Altre possibili cause di gonfiore del viso

  • Chirurgia facciale: in particolare, interventi chirurgici su naso, palpebre, mascella e alcune procedure cosmetiche possono dare origine alla presenza di edema facciale generalizzato.
  • Trauma: i colpi sono una delle cause più frequenti della comparsa di gonfiore in faccia, questo diventa evidente dopo ferite, colpi e ustioni.
  • Obesità: l'aumento di peso comporta un accumulo di grasso nel corpo, che raggiunge il viso. Le persone che soffrono di obesità hanno la particolarità di soffrire di ritenzione idrica e, di conseguenza, di edema sul viso.
  • In caso di trasfusioni di sangue, può verificarsi emolisi. Ciò si verifica quando il sistema immunitario rifiuta i globuli rossi contenuti nella trasfusione di sangue. Si verifica nei casi in cui il paziente non è compatibile con il gruppo sanguigno ricevuto. I sintomi che si verificano dopo questa reazione includono: arrossamento e viso gonfio, vertigini, mal di schiena e febbre.
  • Accumulo di liquidi: la ritenzione di liquidi è dovuta all'elevato apporto di sodio, che provoca l'interruzione dei filtri renali o la purificazione del corpo. In questo modo, i liquidi e le tossine vengono immagazzinati causando gonfiore del viso.

Sintomi che accompagnano il gonfiore del viso

I sintomi che accompagnano il gonfiore del viso dipendono dalla causa che sta dando origine a questa alterazione, alcuni di essi possono essere:

  • Prurito.
  • Orticaria o eruzione cutanea.
  • Strappando negli occhi
  • Congestione e naso che cola.
  • Stordimento.
  • Debolezza.
  • Mal di stomaco accompagnato da diarrea.
  • Fastidio al torace

Come ridurre il gonfiore del viso - trattamenti

Se questo è il tuo caso e hai un viso gonfio, dovresti consultare il tuo medico, che sarà responsabile attraverso la consultazione e l'esame fisico per ottenere i dati necessari per effettuare una diagnosi accurata e iniziare il trattamento appropriato per la causa e i sintomi che presenti.:

  • Se si tratta di un processo infettivo nel naso, nella bocca o negli occhi, deve essere iniziato un trattamento antibiotico.
  • Nel caso in cui sia il prodotto di un ascesso o catarro dentale, il medico procederà a drenarlo attraverso un'incisione e fare la cura corrispondente. Successivamente, indicherà antibiotici, analgesici e antinfiammatori per alleviare i sintomi. Nel seguente articolo, mostriamo alcuni rimedi casalinghi per il trattamento di un flemmone dentale.
  • Quando è il prodotto di una reazione allergica e oltre all'edema c'è un'eruzione cutanea, verranno prescritti antistaminici o antinfiammatori per eliminare l'infiammazione e le lesioni cutanee.
  • Se il gonfiore è un prodotto dell'assunzione di un farmaco, la sua assunzione deve essere interrotta immediatamente. A seconda del caso, verrà indicato un antistaminico per invertire i sintomi presentati dal paziente.
  • Quando si inizia il trattamento corrispondente al gonfiore del viso dovuto alla rinite, si deve evitare il contatto con l'allergene, i lavaggi salini a base di acqua nasale e l'applicazione di decongestionanti nasali e antistaminici.
  • In caso di cellulite facciale o ascesso dentale derivante da un'infezione, il trattamento inizia con un antibiotico per un minimo di 10-14 giorni, a seconda dei batteri che causano la condizione infettiva. Oltre a antinfiammatorio e analgesico per ridurre il dolore e l'infiammazione.
  • Se si tratta di un edema dopo il posizionamento del sangue, i sintomi del paziente devono essere trattati. Inizialmente, deve essere iniziato il trattamento con antistaminici.

Suggerimenti per ridurre il gonfiore del viso

Per ridurre il gonfiore del viso, oltre a iniziare il trattamento medico, è necessario attuare alcune raccomandazioni per ridurre i rischi di soffrire di questo disturbo:

  • Ridurre l'assunzione di sale. Con ciò si evita la ritenzione di liquidi e, di conseguenza, il gonfiore del viso.
  • Applicare impacchi freddi o ghiaccio sulla zona del viso per alleviare i sintomi del gonfiore.
  • Usa la maschera di cetriolo, questa verdura ha proprietà anti-infiammatorie, quindi ha la capacità di ridurre l'infiammazione del viso. Per preparare la maschera, ½ cetriolo viene liquefatto, refrigerato per un paio d'ore, quindi applicato sul viso e lasciato agire per circa 20 minuti. Infine, viene rimosso con abbondante acqua.
  • Consuma infusi di erbe come timo, origano e ortica verde. Queste erbe hanno proprietà diuretiche e antinfiammatorie, quindi contribuiscono a ridurre il gonfiore del viso. La preparazione consiste nel mettere queste 3 erbe in una pentola con ½ litro d'acqua e far bollire per circa 5 minuti, lasciare riposare e ingerire una tazza ogni giorno.

Si consiglia di seguire queste raccomandazioni congiuntamente con i consigli del medico e in base alla causa che provoca questa alterazione. Non esitare ad andare dal tuo medico, farà la diagnosi precisa e, in questo modo, inizierà il trattamento appropriato per i sintomi che presentano.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come ridurre il gonfiore del viso, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di pelle, capelli e unghie.

Raccomandato

Perché mi prude il seno in gravidanza
2019
Mielite trasversa: sintomi, trattamento, sequele
2019
Gli psicologi più consigliati a Barcellona
2019