Come curare l'ansia: la terapia di Joseph Wolpe

Joseph Wolpe era uno psicologo comportamentale in Sudafrica che in realtà studiava gatti piuttosto che trattare con i clienti. I gatti, come le persone, possono diventare molto ansiosi. Ma Wolpe si rese conto che c'erano diverse cose che i gatti potevano fare che sembravano interferire con la loro ansia. Potevano calmarsi, ad esempio, governandosi. Oppure potrebbero mangiare. Mangiare ed essere nervosi sembra essere incompatibile. Potresti averlo notato per te stesso: alcuni di noi, quando siamo nervosi, ci piace mangiare. Ci sentiamo meglio, almeno per un po '. Altri, quando sono nervosi, non possono mangiare, perché l'ansia interferisce con la digestione. È l'uno o l'altro!

Wolpe ha pensato che la cosa più ovvia che è incompatibile con l'ansia è essere rilassato fisicamente. Quindi, Wolpe ha creato una terapia in grado di curare l'ansia, la cosiddetta "desensibilizzazione sistematica". Nel seguente articolo di psicologia online ti diremo come curare l'ansia secondo la terapia di Joseph Wolpe .

Primo stadio

Nella tua prima sessione con il terapista, ti insegnerà come rilassarti fisicamente : ti verrà chiesto di schiacciare un gruppo di muscoli come quelli nello stomaco per diversi secondi e quindi rilasciarli, oltre a prestare molta attenzione a sentire questi due condizioni: tese e rilassate.

Questo viene fatto per i principali muscoli del corpo. Con l'aiuto di un grafico, dovrai praticare questa routine ogni giorno per una settimana. In quella stessa sessione, svilupperai anche una gerarchia di ansia . Questo è composto da dieci scenari che ti rendono ansioso, ognuno peggiore del precedente.

Ad esempio, una persona con fobia del ragno può avere il primo stadio per vedere un piccolo ragno nell'aria a distanza. Il tuo ultimo scenario potrebbe comportare qualcosa come avere un ragno peloso molto grande che striscia sul tuo viso.

Secondo stadio

Dopo aver praticato il relax per una settimana, tornerai dal terapeuta. Ti chiederà di rilassarti il ​​più possibile, quindi leggere il primo scenario che puoi immaginare. Dovresti cercare di ottenere un quadro della situazione il più bello possibile, tutto prestando attenzione ai muscoli per assicurarti di rimanere rilassato.

Se rimani rilassato, il terapista passa alla fase successiva. Ci sarà un segnale prestabilito, come alzare il dito, per dire al terapeuta che stai avendo problemi a rimanere rilassato, a quel punto lui o lei invertirà lo scenario problematico e ti permetterà di rilassare di nuovo i muscoli. Di solito, in quella sessione, o forse in un secondo, sarai in grado di immaginare anche il peggio degli scenari e riuscirai comunque a rilassarti. Questa è una delle migliori tecniche per trattare i problemi di ansia che abbiamo oggi.

Altri approcci terapeutici

Esistono, ovviamente, molti altri approcci terapeutici. Alcuni sono rispettati ed efficaci, altri sono semplicemente assurdi. Una cosa da tenere a mente se dovresti mai cercare un trattamento per te o qualcuno vicino a te: non aver paura di porre domande sull'approccio che un terapista usa o di consultare persone di fiducia o agenzie appropriate sulle qualifiche di un terapeuta!

La terapia psicologica è ancora più un'arte della maggior parte delle terapie mediche e il paziente deve stare attento.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Come curare l'ansia: la terapia di Joseph Wolpe, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di psicologia clinica.

Raccomandato

Quanto sale dovremmo consumare al giorno?
2019
Perché mi costa così tanto fare le cose
2019
Differenze tra comunicazione verbale e non verbale
2019