Cisti dentali: cause, tipi e trattamento

Le cisti sono cavità anormali coperte da una sottile membrana che può formarsi in qualsiasi parte del corpo. I denti che presentano determinate condizioni possono produrre cisti nell'osso circostante, note come cisti odontogene. Sebbene non siano condizioni così frequenti come altre che possono apparire in bocca come parodontite o gengivite, hanno la capacità di causare lesioni significative ai denti o alle ossa in cui si stanno formando, oltre alla possibilità di diventare tumori, Pertanto, la sua identificazione ed eliminazione tempestiva sono importanti. In questo articolo di ONsalus spiegheremo quali sono le cisti, le cause, i tipi e i trattamenti dentali .

Perché si verificano le cisti dentali

Nella maggior parte dei casi, una cisti è una delle fasi finali dell'evoluzione di un'infezione di origine dentale che non è stata trattata correttamente o che semplicemente non è stata trattata. In questa evoluzione, la prima lesione è un ascesso dentale che il corpo cerca di controllare con la formazione di un granuloma. Quando un granuloma non viene trattato, nel tempo sviluppa una cavità all'interno e una membrana nella periferia, formando così una cisti.

Un'altra possibilità è che le cisti si formino a causa di qualche difetto durante lo sviluppo di un dente che provoca la ritenzione di liquido all'interno di una membrana che normalmente copre il dente mentre è all'interno dell'osso durante la sua formazione.

Tipi di cisti dentali

Esiste un gran numero di cisti, sebbene alcune siano molto più frequenti di altre:

  • Cisti periapicale : è il risultato di un granuloma che non è stato trattato correttamente e si forma nella parte finale della radice di un dente.
  • Cisti ricorrente : quando una cisti non viene completamente rimossa dopo la rimozione del dente interessato, può essere riformata producendo questo tipo di cisti
  • Cisti parodontale : assomiglia alla prima, ma appare sul lato della radice del dente.
  • Cisti dentigera : causata dalla crescita di una cavità all'interno di una membrana che copre la corona dei denti quando si trovano all'interno dell'osso.
  • Cisti da eruzione : compare nei bambini quando il rivestimento della corona si riempie di liquido quando i denti tentano di eruttare.
  • Cisti gengivale : simile alla precedente, ma si verifica negli adulti.
  • Cisti neonatale : compaiono nella gomma dei neonati e non necessitano di alcun trattamento.

Sintomi di cisti dentali

Essendo una condizione cronica, nella maggior parte dei casi le cisti dentali non producono sintomi, ma possono causare disagio e dolore se vengono infettati. Le cisti sono cavità che possono espandersi a dimensioni considerevoli e farlo a scapito dell'osso, consumandolo man mano che crescono. Quelli più grandi possono produrre significative perdite ossee e persino creare perforazioni.

Quando una cisti dentale provoca la perdita dell'osso che circonda i denti, possono acquisire un notevole grado di mobilità rimuovendo il supporto. Sebbene le cisti dentali consumino l'osso, raramente consumano qualsiasi parte della struttura di un dente. Ciò che possono causare è lo spostamento dei denti, essendo in grado di spostarli in spazi completamente distanti da quello corrispondente e persino impedendo loro di esplodere quando producono la loro ritenzione all'interno dell'osso quando compaiono in tenera età.

La perdita ossea può compromettere le strutture vicine come il pavimento dell'orbita oculare o le pareti dei seni mascellari, che fanno parte delle vie aeree. Può anche comprimere i nervi quando sono vicini a loro, producendo alterazioni nella percezione del tatto.

Diagnosi di cisti dentali

L'ispezione del paziente consente di rilevare alterazioni che possono essere suggestive di una cisti, come l'alterazione della forma delle ossa, la mobilità e lo spostamento dei denti o la loro assenza senza una precedente storia di estrazioni, e la carie estesa nei denti senza trattamento endodontico che Non sono mai stati restaurati.

Le cisti sono di solito viste attraverso una radiografia panoramica, anche se una volta trovata la cisti si consiglia di eseguire una scansione TC per determinare come può essere la sua evoluzione e il possibile danno alle strutture vicine

Trattamento delle cisti dentali

Il trattamento di una cisti dentale consiste sempre nella sua eliminazione, poiché queste strutture hanno la capacità di produrre perdite ossee che compromettono la stabilità dei denti vicini, oltre ad avere il potenziale per diventare lesioni maligne.

La procedura con cui viene rimossa dipenderà dal tipo di cisti . Nelle cisti periapicali, ad esempio, è necessario eseguire un trattamento del canale radicolare sul dente interessato e successivamente eseguire una procedura chiamata apicectomia, che prevede la rimozione della cisti insieme alla porzione terminale della radice.

Quando il dente interessato è molto distrutto e non ha possibilità di essere ripristinato, la sua estrazione viene eseguita dopo di che la cisti viene rimossa e l'osso viene pulito. Le cisti parodontali possono essere rimosse senza alcun trattamento sul dente, poiché sono condizioni che non le compromettono.

Alcuni casi più complicati, come le cisti dentigere, richiedono un intervento più esteso per raggiungere il dente interessato. Nella maggior parte dei casi anche il dente deve essere rimosso, ma quando ha una buona prognosi può essere lasciato per il trasferimento mediante ortodonzia.

Alcune cisti come il neonato e l'eruzione cutanea potrebbero non aver bisogno di alcun trattamento se non producono alterazioni sui denti.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se desideri leggere altri articoli simili alle cisti dentali: cause, tipi e trattamento, ti consigliamo di inserire la nostra categoria di Denti e bocca.

Raccomandato

Aloe Vera per combattere la costipazione
2019
Rimedi domestici per l'herpes zoster
2019
Puntura di scorpione: sintomi e trattamenti
2019