In che modo la disoccupazione ci influenza?

Perdere lavoro che ci ha garantito stabilità economica e lavorativa per anni, o finire i nostri studi e non trovare un lavoro, ha conseguenze che vanno oltre il mancato pagamento delle nostre bollette. La disoccupazione ci riguarda psicologicamente. In questo articolo di psicologia online, parliamo di come la disoccupazione ci influenza.

Conseguenze psicologiche della disoccupazione

Patricia Benito Castro, psicologa clinica in Help Psychology e specialista in terapia cognitivo-comportamentale, afferma che “i problemi psicologici dipendono dal periodo in cui la persona è stata disoccupata. Cioè, se è un breve periodo di tempo, i disoccupati possono usare quel tempo per riciclare, imparare le lingue, praticare sport e altre cose che forse quando lavoravano non erano possibili. "

Il problema sorge quando il tempo in cui ci troviamo senza lavoro è troppo lungo. "È vero che se la situazione di disoccupazione dura più di sei mesi, queste persone potrebbero iniziare a provare sintomi di disperazione e ansia per il futuro", aggiunge.

È importante differenziare gli effetti della disoccupazione su un giovane e un adulto. Il giovane si renderà conto che la mancanza di lavoro prolungherà la dipendenza dai suoi genitori e vivrà sotto lo stesso tetto, e potrebbe vergognarsi di questa situazione.

Disoccupazione e la nostra identità personale

La mancanza di lavoro può influire sulla nostra identità personale. Come ci spiega Benito, l'occupazione non solo ci dà stabilità personale ed economica, ma ci aiuta anche ad avere una buona immagine di noi stessi.

"Certo, se è un lavoro che apprezziamo e ci piace", chiarisce. "Alla fine, lavorare a lungo termine con disgusto può produrre gli stessi sintomi della disoccupazione."

Disoccupazione e la nostra famiglia

In che modo la mancanza di lavoro influisce sull'ambiente familiare? "Purtroppo del livello economico della famiglia", afferma Benito. “Cioè, se la mia mancanza di lavoro non destabilizzasse lo status della famiglia, sicuramente non ci sarebbe una differenza notevole, dal momento che il disoccupato può essere trasferito nel ruolo di famiglia. Può succedere dalla persona che ha lavorato a colui che ora raccoglie i bambini, ripara il giardino o si prende cura di qualcuno più grande. "

La situazione è diversa se la famiglia dipende economicamente dal disoccupato. “Se, al contrario, la famiglia dipende in gran parte o totalmente da quel reddito, i problemi possono essere diversi. Parlando in termini emotivi, che non sono più materiali, ci sarebbe apatia sessuale nella coppia, ansia per il futuro dei bambini e forse irascibilità e sbalzi d'umore . "

Disoccupazione e nostra salute

Quali problemi di salute sono legati alla disoccupazione? Le persone senza lavoro si ammalano? "In generale, una persona che si trova in uno stato emotivo negativo costante ha maggiori probabilità di ammalarsi poiché i livelli di serotonina tendono a diminuire di fronte a depressione o ansia", afferma Benito.

La serotonina regola la rabbia, l'aggressività, la temperatura corporea, l'umore, il sonno, il vomito, la sessualità e l'appetito. Uno stato emotivo negativo che continua "può aumentare la probabilità di disturbi alimentari o disturbi del sonno ", aggiunge.

“Come in uno stato d'animo depresso, il livello delle piastrine può diminuire, la probabilità di contrarre un'influenza. Ci sono anche studi che mettono in relazione il cancro con stati emotivi negativi ".

Suggerimenti per affrontare la disoccupazione

Le persone che non hanno un lavoro dovrebbero mantenere la stessa routine che avevano quando lavoravano. Continueranno ad alzarsi presto e a mangiare presto, e saranno in grado di trovare un lavoro nel tempo in cui lavoravano.

"È molto importante che seguano una routine e programmi con periodi di riposo e di svago", raccomanda Benito. “La ricerca di lavoro deve consistere in un lavoro in sé. Anche vestirsi e fare la doccia al mattino e iniziare la giornata come qualsiasi altra persona. ”

Ciò comporta prepararsi ogni mattina come se stessimo andando a prendere la metropolitana o l'autobus per andare al lavoro. "Nulla per rimanere in pigiama tutto il giorno, dal momento che vederti in questo modo non aiuta troppo l'autostima e la fiducia in se stessi."

Un altro consiglio offerto dallo psicologo clinico è di rafforzare le nostre relazioni sociali e le nostre reti. "Potresti sentirti un po 'isolato, quindi devi forzare te stesso ad interagire, uscire e incontrare amici e colleghi di vecchi lavori."

È anche essenziale mettere in pratica le nostre idee. La disoccupazione è un'opportunità per riflettere su quale sia il nostro lavoro ideale e su quali misure possiamo prendere per raggiungere questo lavoro. Come possiamo acquisire esperienza nel settore del lavoro che abbiamo scelto?

Non sederti o stare a casa: vai fuori. Molti disoccupati creano la propria azienda, continuano a formarsi, sono pieni di idee che potrebbero servirli per il futuro, approfittare delle interviste di lavoro per migliorare la loro capacità di comparire davanti a un'azienda, organizzare la casa, esercitare e trarre vantaggio da qualsiasi contratto temporaneo o parziale che possono trovare.

La disoccupazione significa solo la fine di un lavoro e l'inizio di un altro. La ricerca di lavoro è solo uno stato e non definisce chi siamo o chi vogliamo essere. Non dobbiamo perdere l'illusione di trovare un lavoro che migliorerà la nostra situazione.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Come ci riguarda essere disoccupati?, ti consigliamo di inserire la nostra categoria di Emozioni.

Raccomandato

Iperidrosi palmare: trattamento e operazione
2019
Cosa fare quando sei depresso
2019
Emottisi: definizione, cause e sintomi associati
2019