Cardo mariano per fegato grasso: proprietà e come prenderlo

Si chiama cardo mariano, o Silybum marianum nella comunità scientifica, una pianta che è ampiamente utilizzata per il trattamento naturale di vari disturbi del fegato, poiché ha una grande quantità di nutrienti a beneficio di questo organo, soprattutto perché è ricca di I flavolignati come la silimarina, ma anche i beta-caroteni e i flavonoidi favoriscono il benessere del fegato. Tra le proprietà e i benefici che spiccano di più c'è il potere di stimolare la proliferazione di cellule giovani e nuove nel fegato, motivo per cui è molto utile affrontare vari disturbi epatici.

Nonostante ciò, il cardo mariano può anche aiutare coloro che soffrono di malattie renali e della cistifellea; Tuttavia, questa volta, dettagliamo esclusivamente ciò che questa pianta medicinale offre per una specifica patologia epatica. Pertanto, nel seguente articolo ONsalus troverai tutte le informazioni sul cardo mariano per il fegato grasso: proprietà e come prenderlo.

Proprietà del cardo mariano per fegato e cistifellea

Il cardo mariano ha numerose proprietà che lo rendono un ottimo potere di protezione e rigenerazione per il fegato e la cistifellea. Grazie a tutti i nutrienti che ha, il consumo di questa pianta può aiutare a rigenerare varie cellule di questi organi facendoli iniziare a funzionare correttamente.

Per questo motivo, si consiglia di consumare il cardo mariano a coloro che soffrono di fegato grasso poiché, accompagnando il trattamento tradizionale, può essere molto utile e far tornare l'organo alla normalità; Tuttavia, è importante effettuare una consultazione con uno specialista prima di ingerire.

Ridurre i livelli di colesterolo e trigliceridi con cardo mariano

Il fegato grasso può causare, tra gli altri disturbi, un aumento dei livelli di colesterolo e trigliceridi nel corpo. Se hai un'alterazione del loro livello, è essenziale condurre una consulenza medica e seguire il trattamento indicato dallo specialista, anche se puoi cogliere l'occasione per chiedere informazioni sul cardo mariano per aiutarti a migliorare più velocemente.

Coloro che soffrono di un alto livello di colesterolo e trigliceridi hanno vari sintomi come intorpidimento degli arti, gonfiore delle mani e dei piedi, vertigini, visione offuscata, fastidio al torace e perdita di equilibrio, quindi è importante che questa sintomatologia sia eliminata e le quantità di trigliceridi e colesterolo nel sangue sono regolate.

Cardo mariano: proprietà antiossidanti

Le varie tossine nel corpo possono produrre numerosi disturbi epatici come il cosiddetto fegato grasso. Ciò può causare, tra le altre cose, che l'organo non funzioni normalmente come dovrebbe.

Il cardo mariano ha proprietà antiossidanti che aiutano a eliminare tutti i tipi di tossine nel corpo. Allo stesso modo, questa pianta rigenera le cellule del fegato e offre un effetto protettivo ideale per migliorare i disturbi e i sintomi del fegato causati da esse.

Ridurre il ferro in eccesso usando il cardo mariano

Poiché il fegato non funziona normalmente come dovrebbe, potrebbe esserci un grande accumulo di ferro nel corpo. Un'altra delle proprietà curative del cardo mariano è che può aiutare a ridurre l'eccesso di questo minerale nel corpo; tuttavia, è essenziale che venga effettuata una consultazione con un medico per monitorare e determinare quanto è alto il ferro.

Accompagnando il trattamento tradizionale, il cardo mariano può eliminare i sintomi causati dall'emocromatosi, cioè dall'eccesso di ferro nel corpo. Tra i sintomi più frequenti spiccano il disagio addominale, i dolori articolari, l'oscuramento della pelle, l'affaticamento, la debolezza, la perdita di peso, i peli del corpo e il desiderio sessuale.

Come prendere il cardo mariano per il fegato grasso

Una volta che sono note tutte le proprietà del cardo mariano per il fegato grasso, è importante conoscere il modo migliore per prenderlo. Le opzioni possibili sono le seguenti:

  • Infuso di cardo mariano: deve essere preparato aggiungendo 1 cucchiaio di semi di cardo mariano in 1 tazza di acqua appena bollita. Lasciare riposare per 5 o 10 minuti, filtrare e bere circa 3 tazze al giorno.
  • Capsule di cardo mariano: capsule o compresse di cardo mariano sono disponibili nei negozi di alimenti naturali. Sono un buon integratore per i pazienti con problemi al fegato e si consiglia di assumere un massimo di 420 mg al giorno.

Estendiamo queste informazioni nell'articolo Come prendere il cardo mariano - dose giornaliera raccomandata.

Cardo mariano: controindicazioni ed effetti collaterali

Sebbene il cardo mariano offra benefici molto buoni, è anche possibile che alcune persone abbiano determinate reazioni avverse, che dipendono anche dalla predisposizione della persona e dalla dose del suo consumo. Se il trattamento viene seguito con raccomandazioni e il controllo specialistico ha meno probabilità di apparire, ma si dovrebbe tener conto del fatto che ci sono controindicazioni ed effetti collaterali:

  • Effetto ipertensivo, quindi i pazienti ipertesi non sono raccomandati.
  • Disturbi intestinali
  • Nausea, diarrea, vomito.
  • Tossico se combinato con determinati farmaci.
  • Può causare reazioni come l'eczema.
  • Dovrebbe essere consumato con cautela, principalmente le persone con diabete.
  • È controindicato nelle donne in gravidanza o in allattamento.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Cardo mariano per fegato grasso: proprietà e come prenderlo, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di apparato digerente.

Raccomandato

I diversi tipi di invidia
2019
Malattia viola: cause, sintomi e trattamento - con foto
2019
Rimedi domestici per cute secca
2019