Riabilitazione neuropsicologica della memoria dopo LCA e tecniche

La riabilitazione cognitiva, chiamata anche riabilitazione delle funzioni cerebrali superiori, è un metodo terapeutico volto a migliorare o compensare i deficit neurocognitivi prodotti da processi che influenzano il normale funzionamento del cervello. È l'insieme di interventi progettati per aumentare la capacità funzionale dell'individuo nella sua vita quotidiana.

In questo articolo di PsicologíaOnline parleremo della riabilitazione neuropsicologica della memoria dopo LCA e tecniche.

Approcci alla riabilitazione cognitiva

Fondamentalmente vengono utilizzati tre approcci, spesso complementari:

  • Cerca di ridurre i disturbi cognitivi e comportamentali.
  • Insegna a gestire queste alterazioni.
  • Modifica l'ambiente in modo che sia meno impegnativo.

Varie malattie neurologiche o condizioni psicologiche possono portare a difficoltà di attenzione, memoria, linguaggio, ragionamento, organizzazione, ecc. Attraverso la terapia di riabilitazione cognitiva, cerchiamo di ripristinare queste funzioni o compensarle attraverso l'apprendimento di altre abilità.

Modalità di riabilitazione cognitiva.

restauro

Implica la stimolazione delle funzioni cognitive interessate dall'azione diretta su di esse, in modo da facilitare la neuroplasticità cerebrale.

sostituzione

L'uso di abilità alternative è promosso promuovendo una riorganizzazione funzionale basata su sistemi e strutture cerebrali intatti. Vale a dire, vengono eseguiti esercizi volti a rafforzare le connessioni cerebrali sane in modo da soppiantare la funzione svolta dalle connessioni che sono state danneggiate. Ciò si basa sul fatto che l'organizzazione cerebrale delle funzioni è in qualche modo ridondante (sistemi neurali paralleli). Ad esempio, ci sono diversi sistemi motori che sono complementari in modo che se uno si guasta, altri possono almeno parzialmente sostituire la loro funzione.

compensazione

Riduzione al minimo dell'impatto dei disturbi cognitivi per raggiungere una maggiore autonomia funzionale. È l'uso di strategie alternative o ausili esterni che sostituiscono le funzioni cognitive alterate.

Riabilitazione della memoria neuropsicologica. Tecniche.

Tra le strategie generali per intervenire sulle difficoltà della memoria vi sono strategie compensative o ausili della memoria esterna (SMA), da cui si cerca di ridurre l'impatto dei deficit cognitivi del paziente nella vita quotidiana. L'uso di questi strumenti nella riabilitazione della memoria è stato considerato come l'approccio più importante alla riabilitazione funzionale di questa funzione cognitiva, poiché aiuta davvero a compensare il deficit dopo alterazioni della memoria. Le diverse procedure che è possibile utilizzare per risolvere i problemi di memoria si riferiscono a:

Aiuti esterni

Ordini del giorno, allarmi, calendari, piani, diari, etichette ... spesso evitano problemi che incidono sul funzionamento quotidiano. Esistono quegli aiuti volti ad adattare l'ambiente, quelli che forniscono al paziente l'accesso alle informazioni precedentemente memorizzate e quegli aiuti che facilitano la memorizzazione o la consultazione delle informazioni (ordini del giorno).

Strategie mnemoniche

Ciò favorisce l'associazione e l'organizzazione degli elementi e l'elaborazione più profonda delle informazioni. Possono essere:

  • Verale o visivo: è importante studiare bene l'area lesa, in particolare quelle localizzate con LCA, poiché l'emisfero destro ha un maggiore coinvolgimento nell'elaborazione delle immagini visive e la sinistra predomina nell'elaborazione verbale; in modo tale da utilizzare quelle strategie che attivano l'emisfero non danneggiato dall'LCA.
  • Elaborazione superficiale o approfondita: esistono numerose prove che indicano che le strategie più efficaci sono quelle che favoriscono l'organizzazione del materiale.

Uso di sistemi di memoria conservati

Cercare di compensare, in parte, le conseguenze dei deficit di memoria del paziente. La tecnica di recupero spaziato (RE) fa parte di un insieme di tecniche progettate per apprendere conoscenze specifiche dalla memoria implicita conservata, al fine di favorire l'autonomia del paziente nelle attività della vita quotidiana.

Un'altra tecnica che aiuta i pazienti a ricordare il proprio passato (memoria retrograda) è la Terapia della Reminiscenza: la Terapia della Reminiscenza aiuta a ricordare, in modo naturale, le esperienze passate per stimolare la capacità di auto - riconoscimento e mantenimento dell'identità.

La struttura generale di questa tecnica di stimolazione cognitiva richiede generalmente due passaggi:

  • Innanzitutto, al paziente viene insegnato un materiale (fotografia o storia di un evento) legato alla propria esperienza o agli eventi della sua generazione.
  • Da questo materiale, il paziente evocherà una serie di ricordi associati e farà commenti personali.

Ha lo scopo di migliorare la memoria episodica autobiografica (memorie personali) e la memoria semantica (che contiene la conoscenza di dati storici rilevanti), così come gli eventi personali e gli eventi storici sono ricordati il ​​più chiaramente possibile, vivendo emozioni collegate A quei ricordi.

Questa terapia può essere eseguita in sessioni individuali ma, spesso, include riunioni di gruppo, almeno una volta alla settimana, con pazienti che hanno all'incirca la stessa età (per esperienze generazionali simili). Tra i materiali che vengono solitamente utilizzati nelle sessioni di reminiscenza, possiamo trovare quanto segue:

  • Memory box: In esso vengono raccolti oggetti personali o materiali comuni a un gruppo di pazienti della stessa generazione. È possibile includere fotografie, musica, vestiti, documentazione, ecc.
  • Libro autobiografico o Libro della memoria: di solito viene utilizzato con l'aiuto del terapeuta e, di solito, anche di un membro della famiglia che conosce molto da vicino la vita del paziente.
  • Dati socio- storici e / o culturali: consiste nel raccogliere informazioni sugli eventi storici, sociali e culturali più importanti della generazione dei pazienti, quindi leggere queste informazioni una ad una in sessioni diverse e fornire commenti sulle loro esperienze di tali evento.

Deve produrre i seguenti aspetti positivi:

  • Aiuta a mantenere e rafforzare l'autostima, mettendo in evidenza elementi e aspetti positivi dei ricordi.
  • Evidenzia l' esperienza e la saggezza accumulate, offrendo opportunità per la loro espressione e condividendole con gli altri.
  • Evita lo stereotipo secondo cui il paziente è un vecchio o un altro paziente, facilitando il mantenimento del senso di identità personale.
  • Il tempo dedicato alla reminiscenza dovrebbe diventare un'esperienza positiva e stimolante.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se desideri leggere altri articoli simili a Riabilitazione neuropsicologica della memoria dopo LCA e tecniche, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di farmaci psicotropi.

Raccomandato

Fattori psicosociali dei giurati
2019
Perline su schiena e spalle: cause
2019
Perché mi mordo la lingua dormendo
2019