Oftalmopatia tiroidea: sintomi e trattamento

Gli occhi sono organi indispensabili nell'essere umano per svolgere una vita normale, che sono esposti a diversi tipi di aggressioni a causa di ciò a cui sono esposti. Sebbene la maggior parte di essi non costituisca un grave problema, alcune altre alterazioni presentano uno sviluppo più complesso che potrebbe persino comprometterne il funzionamento. La tiroide è una ghiandola responsabile della secrezione degli ormoni e della loro conservazione, svolge molte funzioni che sono di grande importanza nel corpo.

È un organo che molto frequentemente soffre di alterazioni che a loro volta possono colpire molti altri organi a causa del diverso e importante del suo normale funzionamento, tra cui gli occhi possono essere trovati. In questo articolo di ONsalus spiegheremo tutto sull'oftalmopatia tiroidea: sintomi e trattamento, una conoscenza di grande importanza dovuta alla frequenza con cui sono presenti le condizioni della tiroide e all'importanza di una visione sana giorno per giorno.

Oftalmopatia tiroidea: definizione

L'oftalmopatia tiroidea è un'alterazione presente negli occhi che si manifesta come manifestazione clinica della malattia di Graves . In generale, si osserva di solito molto più frequentemente nelle femmine che nei maschi. Oltre ai disturbi visivi, presenta alterazioni dei tessuti molli orbitali a seguito di un processo infiammatorio . La stragrande maggioranza delle persone con malattia di Graves è accompagnata da questo disturbo, che aiuta nella diagnosi di esso. L'oftalmopatia tiroidea è anche nota come oftalmopatia Graves-Basedow o malattia dell'occhio tiroideo.

Oftalmopatia tiroidea: cause

L'oftalmopatia tiroidea è correlata ad alterazioni endocrine della ghiandola tiroidea . Questo è il caso della malattia di Graves, che è una malattia autoimmune, in grado di causare ipertiroidismo, cioè la ghiandola tiroidea diventa iperproduttiva e sintetizza un eccesso di ormone tiroideo. Il termine autoimmune significa che il sistema immunitario attacca erroneamente le cellule dell'organismo, come nel caso dei tessuti che si trovano intorno agli occhi, siano essi muscoli della palpebra, dell'occhio e della regione periorbitale, causando infiammazione di queste strutture e i caratteristici occhi gonfi di alcune persone affette da problemi alla tiroide.

Oftalmopatia tiroidea: sintomi

All'inizio della malattia, compaiono i primi sintomi che consistono in:

  • Una sensazione di pressione negli occhi
  • Secchezza degli occhi
  • La zona degli occhi inizia a sembrare rossa e irritata
  • C'è presenza di infiammazione nelle palpebre
  • Impossibilità di indossare lenti a contatto
  • Inoltre c'è una lacrimazione costante e difficoltà a chiudere gli occhi, soprattutto prima di coricarsi
  • In alcuni casi, i disturbi visivi come la visione doppia, ciò è dovuto al fatto che i muscoli extraoculari possono essere colpiti, perché se sono molto infiammati questo muscolo può arrivare a premere il nervo ottico alterando la visione.
  • La presenza di esoftalmo è anche utile per la diagnosi, il che significa che gli occhi sono spostati verso l'esterno, poiché l'infiammazione produce retrazione delle palpebre aumentando l'apertura, dando l'aspetto di " occhi sporgenti ".

A volte questi sintomi compaiono al momento dell'inizio della malattia della tiroide, anche se questo può variare, ma dopo alcuni mesi la persona può essere lasciata con visione doppia, esoftalmo, borse nelle palpebre, tra le altre sequele che colpiscono sia esteticamente che a livello di salute degli occhi. Va tenuto presente che nei casi in cui l'esposizione della cornea è prolungata a causa dell'impossibilità di chiudere gli occhi, può causare ulcerazioni che causano perdita della vista .

Trattamento per oftalmopatia tiroidea

Per l'oftalmopatia tiroidea è necessario prendere come priorità il trattamento della ghiandola tiroidea, motivo per cui è necessario assistere lo specialista in quella zona endocrina, che prescriverà il farmaco ideale per questa condizione.

In caso di disturbi oculari lievi, possono essere trattati con:

  • Idratazione nell'area attraverso il collirio
  • Uso di impacchi freddi per alleviare i sintomi dell'infiammazione
  • Indosso occhiali da sole durante il giorno
  • Dormi a testa alta
  • Usa unguenti per idratare e sgonfiare gli occhi prima di coricarti

In quei casi avanzati in cui la visione è già alterata o ci sono gravi esoftalmi che colpiscono l'estetica, si può usare la decompressione orbitale, in cui verranno rimosse parte delle ossa che circondano il bulbo oculare, o grassi orbitali o entrambi. In altri casi il medico specialista può suggerire l'applicazione di corticosteroidi per via endovenosa.

Il trattamento chirurgico verrà effettuato in quei casi in cui non vi è attività orbitale, ad esempio un intervento chirurgico per correggere la posizione delle palpebre per regolarle nuovamente nella loro posizione normale, migliorandone così l'aspetto.

In quei casi di diplopia (visione doppia) può essere compensato con l' uso di occhiali e quando avanzato è considerato riposizionare i muscoli attraverso un intervento chirurgico per migliorare la visione quando le misure conservative non hanno alcun effetto.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se desideri leggere altri articoli simili all'oftalmopatia tiroidea: sintomi e trattamento, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di Sistema endocrino.

Raccomandato

Centro Núria Jorba - Sessuologia e coppia
2019
La tecnica del blocco psicologico e dei blocchi casuali
2019
Perché ho un pene curvo?
2019