L'ibuprofene e il naprossene possono essere presi insieme?

Il naprossene e l' ibuprofene fanno parte dello stesso gruppo farmacologico, noto come farmaci antinfiammatori non steroidei o FANS. Molte persone tendono ad auto-medicare senza conoscere i rischi che esistono dopo la somministrazione di due farmaci contemporaneamente e senza la precedente valutazione specializzata, associando anche l'ottenimento di questi farmaci senza la necessità di una prescrizione.

Sia l'ibuprofene che il naprossene sono responsabili dell'intervento nella biosintesi di prostacicline, prostaglandine e trombossani dopo l'inibizione della cicloossigenasi, permettendo al dolore, all'infiammazione e alla febbre di calmarsi.

Molti hanno la falsa convinzione che per aumentare l'effetto, in particolare l'analgesico, entrambi i farmaci possono essere assunti contemporaneamente, tuttavia non è del tutto sicuro farlo in questo modo e qui spiegheremo perché. In questo articolo di ONsalus chiariremo tutti i dubbi sul naprossene e sull'ibuprofene e, inoltre, risponderemo alla domanda: ibuprofene e naprossene possono essere presi insieme?

A cosa serve l'ibuprofene - leaflet

L'ibuprofene è uno dei farmaci inclusi nel gruppo di noti farmaci antinfiammatori non steroidei o FANS. È un farmaco di distribuzione mondiale e uno dei più utilizzati al momento in cui qualcuno ha dolore, febbre o infiammazione, intervenendo direttamente sulla sintesi di prostaglandine, prostacicline e trombossani mediante l'inibizione della cicloossigenasi.

In generale, questo antinfiammatorio non steroideo agisce principalmente con tre effetti:

Analgesico, cioè serve a ridurre il dolore in caso di:

  • Mal di testa o mal di testa di intensità da lieve a moderata.
  • Odontalgia o mal di denti.
  • Mal d'orecchi o anche noto come otalgia che può verificarsi in caso di infezioni dell'orecchio esterno, medio o interno.
  • Lombalgia o dolore alla colonna lombare, di solito a causa di qualche movimento improvviso.
  • Dismenorrea o dolore mestruale.

Antinfiammatorio in caso di:

  • Distorsione alla caviglia o al ginocchio.
  • Tendinite o infiammazione e irritazione di alcuni tendini.
  • Borsite o infiammazione di una borsa, che non è altro che una specie di sacco di contenuto liquido che riduce l'attrito nelle parti in movimento, come la spalla.
  • Distorsione alla caviglia.
  • Artrite reumatoide: perdita della normale funzione articolare.

Antipiretico, cioè trattare la febbre solo se la sua causa è nota.

È disponibile in diverse presentazioni che vanno da 200 mg a 800 mg con i diversi nomi commerciali disponibili in base al paese di ubicazione:

  • Dolorac.
  • Dalsy.
  • Neobrufen.
  • Advil.
  • Motrin.
  • Ibupirac.
  • Ibufen.
  • Pirexin.
  • Doltra.
  • Dolbufen.

Le controindicazioni dell'ibuprofene includono:

  • Ipersensibilità prima del farmaco.
  • Pazienti con emorragia gastrica.
  • Pazienti affetti da insufficienza epatica.
  • Pazienti affetti da insufficienza renale.
  • Pazienti affetti da ulcera peptica.
  • Pazienti che soffrono di problemi cardiovascolari.

Le dosi raccomandate di ibuprofene dipendono dalla causa da trattare, quindi sono necessarie valutazione e dosaggio medici:

  • Come analgesico e antipiretico, la dose standard è di 400 mg ogni 4-6 ore.
  • Come antinfiammatorio, la dose ideale varia da 400 a 600 mg ogni 8 ore.
  • Nei bambini, la dose è personalizzata in base alla dose e alla presentazione dell'ibuprofene disponibile.

È stato descritto che le reazioni avverse più comuni sono:

  • Reazioni allergiche dovute a ipersensibilità.
  • Prurito.
  • Eruzione cutanea
  • Nausea e vomito
  • La diarrea.
  • Dolore addominale
  • Sindrome nefrosica
  • Insufficienza renale
  • Compromissione della funzionalità epatica.

    L'ibuprofene è un farmaco che dovrebbe essere evitato durante la gravidanza o l'allattamento a causa dell'elevato numero di possibili effetti avversi che possono verificarsi sul feto, a meno che lo specialista non indichi diversamente e il beneficio sia maggiore del rischio.

    Il Journal of Journal of Community Pharmacists in Spagna afferma che, secondo uno studio condotto tra quelli esaminati, 33 (82, 5%) hanno assunto ibuprofene da 600 mg, 6 (15, 0%) da 400 mg e 1 (2, 5% ) Non sapevo quale dose prendevo; 21 persone (52, 5%) assumono un trattamento cronico durante l'utilizzo di ibuprofene [1].

    Inoltre, per assumere l'ibuprofene in sicurezza, è necessario somministrare meno di 1.200 mg al giorno per 7-10 giorni. Diversi studi europei indicano che se questa dose viene superata e l'ibuprofene viene assunto a lungo termine, può causare gravi condizioni cardiovascolari. Per maggiori informazioni, puoi consultare l'articolo Quanto spesso posso prendere l'ibuprofene.

    A cosa serve il naprossene - volantino

    Allo stesso modo, questo gruppo di medicinali noti come farmaci antinfiammatori non steroidei o FANS include il naprossene che, allo stesso modo dell'ibuprofene, svolge tre funzioni principali: farmaci antinfiammatori, analgesici e antipiretici.

    Viene acquistato in diversi paesi senza prescrizione medica, ad esempio in Spagna, Canada, Messico e quasi tutto il Sud America.

    È disponibile con nomi commerciali diversi, che variano in base al Paese in cui ti trovi:

    • Naprosyn.
    • Antalgin.
    • Flanax.
    • Nalgesin.
    • Proxen.
    • Anaprox.
    • Tacron.
    • Naproxen ratiopharm.
    • Denaxpren.

    In diverse presentazioni:

    • Capsule da 250 mg
    • Compresse da 250 e 500 mg

    Naproxen è usato per trattare:

    • Il dolore cronico causato da un infortunio può durare da mesi a anni.
    • Periodo postoperatorio immediato o dopo l'intervento chirurgico.
    • Mal di testa o mal di testa.
    • Emicrania.
    • Artrite reumatoide
    • Gota.
    • Dolori muscoloscheletrici
    • Spondilite anchilosante.
    • Dismenorrea o dolore mestruale.
    • Distorsioni.
    • Processi con febbre.

    La dose raccomandata di naprossene dipende anche dalla causa da trattare, da qui l'importanza della valutazione specializzata:

    • Come analgesico, 250 mg ogni 6-8 ore.
    • Come antinfiammatorio, 250-500 mg ogni 12 ore.
    • La dose giornaliera massima raccomandata è di 1500 mg / giorno.

    Alcuni degli effetti collaterali che possono verificarsi dopo l'assunzione di naprossene sono:

    • Sonnolenza.
    • Capogiri.
    • Nausea e vomito
    • Alta pressione sanguigna
    • Mal di testa.
    • Acufene.
    • Visione offuscata
    • Prurito.
    • Hives.
    • Cistite.
    • Anemia.

    Infine, è essenziale tenere conto del fatto che il naprossene è controindicato in caso di:

    • Pazienti affetti da insufficienza renale.
    • Pazienti affetti da insufficienza epatica.
    • In caso di precedente ipersensibilità al naprossene.
    • In caso di malattia infiammatoria intestinale.

    In caso di gravidanza o allattamento, consultare il medico curante prima di iniziare la terapia con questo farmaco.

    Non è consigliabile indicare il naprossene nei pazienti che lavorano con macchinari pesanti o che sono guidatori perché può causare sonnolenza.

    Posso prendere l'ibuprofene e il naprossene insieme?

    Un'abitudine frequente delle persone è auto-medicare senza prendere coscienza dei possibili effetti che questa azione può avere. Quando si tratta di alleviare il dolore, prendiamo semplicemente ciò che è alla nostra portata per sentirci meglio e ciò che facciamo comunemente è rendere il corpo più malato.

    Dolore muscolare, mal di testa e dolore dopo un ictus sono le cause più comuni per una persona di utilizzare un antinfiammatorio non steroideo.

    Naprossene e ibuprofene quando appartengono allo stesso gruppo farmacologico (FANS), non è consigliabile riunirli contemporaneamente per aumentarne l'effetto, al contrario, ciò comporterebbe conseguenze a lungo termine nel sistema renale, cardiovascolare e digestivo, causando insufficienza renale, arresto cardiaco e persino emorragie digestive, quest'ultima frequente negli anziani.

    Di questo gruppo farmacologico, il farmaco più sicuro da somministrare è il naprossene, poiché ha meno effetti collaterali dell'ibuprofene, il rischio cardiovascolare è particolarmente molto più basso dopo l'uso del naprossene.

    Prima di prendere una decisione in merito alla somministrazione di qualsiasi farmaco, è meglio valutare il tuo medico di famiglia. Il trattamento e l'efficacia dipenderanno dall'individualizzazione della terapia farmacologica.

    Evitare la somministrazione di farmaci appartenenti allo stesso gruppo farmacologico, poiché aumenta la presenza di effetti avversi.

    Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

    Se vuoi leggere altri articoli simili a Ibuprofene e naprossene possono essere presi insieme? Ti consigliamo di inserire la nostra categoria di farmaci e test medici.

    riferimenti
    1. Timoneda, EG (2017). Uso dell'ibuprofene da parte degli utenti della farmacia della comunità. Farmacisti della comunità, 9 (1), 34-38.

    Raccomandato

    Come trovare un partner a 40 anni
    2019
    Rimedi domestici per laringite
    2019
    Perché sento bolle nello stomaco?
    2019