Il modello cognitivo in psicologia

Il modello cognitivo dell'anomalia vede i problemi psicologici come un problema con i processi di pensiero del paziente. I terapisti cognitivi spesso parlano della teoria ABC, secondo la quale un paziente reagisce a un evento attivante con determinati pensieri o convinzioni che portano quindi a conseguenze emotive o comportamentali. Il modello cognitivo descrive come le percezioni o i pensieri spontanei delle persone sulle situazioni influenzano le loro reazioni emotive, comportamentali (e spesso fisiologiche).

Il modello cognitivo

I diversi approcci cognitivi condividono il fatto che i processi percettivi e intellettuali che avvengono nel momento in cui un soggetto analizza e interpreta l'ambiente in cui opera, così come i suoi pensieri e comportamenti, sono fondamentali. L' espressione elaborazione attiva delle informazioni riassume molto bene questo tipo di approccio. L'inizio dello sviluppo di questo tipo di approccio sono le opere di Tolman (1932) e Lewin (1936).

Secondo Tolman, la psicologia della motivazione è molto simile all'intenzionalismo di McDougall, con gli approcci della Gestalt, con la teoria dei campi di Lewin e in una certa misura con alcuni argomenti psicoanalitici.

Difendi l'importanza degli obiettivi nel comportamento, nonché l'intenzionalità del comportamento. Da Tolman, la corrente comportamentale, ha iniziato a usare termini come aspettativa, scopo e mappa cognitiva . Il comportamento motivato ha caratteristiche molari, è finalizzato agli obiettivi, è persistente e selettivo. La materia non impara semplici associazioni ER ma la relazione tra un comportamento e un obiettivo particolare; Per fare ciò, è necessario sviluppare una mappa cognitiva del proprio ambiente, che consente di individuare ciascuno dei possibili obiettivi. Solleva vari motivi per spiegare il comportamento motivato:

  1. Ragioni principali : innate. Cerca cibo, acqua e sesso, smaltimento dei rifiuti, prevenzione del dolore, riposo, aggressività, riduzione della curiosità e della necessità di contatto.
  2. Ragioni secondarie : innata. Affiliazione, dominio, sottomissione e dipendenza.
  3. Ragioni terziarie : appreso.

Raggiungimento di obiettivi culturali. Nella sua teoria la tendenza a comportarsi in modo concreto è definita da una funzione moltiplicativa di tre tipi di variabili:

  1. Variabile motivazionale : necessità o desiderio di un particolare oggetto obiettivo.
  2. Aspettativa variabile : una credenza quantitativamente fluttuante che un comportamento particolare, in una situazione particolare, porta a un oggetto target.
  3. Variabile di incentivazione : valore che l'oggetto target ha per l'oggetto.

LEWIN . La motivazione nel comportamento è spiegata da approcci omeostatici. Il comportamento è il risultato dell'insieme di forze che agiscono sull'argomento. Difendere la soluzione attiva dei problemi e l'esistenza di bisogni psicologici (quasi-bisogni).

Lo schema del suo approccio, genericamente chiamato teoria dei campi, presuppone che il comportamento sia una funzione dello spazio di vita, che è costituito da una persona (influenzata da due tipi di bisogni: fisiologici e psicologici che producono tensione o stato motivazionale) e ambiente psicologico ( contiene obiettivi che hanno una notevole influenza sul comportamento del soggetto).

Lewin pensava che attraverso la topologia si potesse spiegare la "locomozione" (cambiamento nello spazio psicologico) del soggetto nel suo ambiente psicologico. Il termine "comportamento" in Lewin è usato per descrivere i cambiamenti strutturali in quell'ambiente. La forza del comportamento (F), che ha caratteristiche vettoriali, è una funzione dello stato interno di tensione del soggetto (t) e degli obiettivi dell'ambiente psicologico (G).

A questa breve funzione dobbiamo aggiungere la "distanza psicologica" (e) che esiste tra il soggetto e l'obiettivo che desidera raggiungere, in modo tale che maggiore è la distanza, minore è la forza nel comportamento. F = f {t, G / e} La tensione è il costrutto motivazionale sostenuto da Lewin per spiegare la motivazione interna del soggetto. La tensione si verifica quando si verificano bisogni nel corpo. Questo fatto motiva il soggetto a ridurre la tensione, cosicché l'argomento omeostatico sembra ovvio.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se desideri leggere altri articoli simili a The Cognitive Model in Psychology, ti consigliamo di accedere alla nostra categoria di Psicologia di base.

Raccomandato

Tosse con sangue: cause e trattamento
2019
Cosa puoi mangiare dopo un'operazione di appendicite
2019
Smettere di fumare ti fa ingrassare: mito o realtà?
2019