Che cos'è la leadership: definizione e concetto

Quando ci riferiamo al concetto di leadership, di solito viene in mente una figura potente e forte in grado di gestire un intero gruppo di persone. Dalla psicologia, molti autori hanno cercato di definire cos'è la leadership e quali caratteristiche la compongono, tuttavia è un aspetto che viene costantemente studiato poiché è difficile stabilire una relazione diretta tra uno stile di personalità e capacità di leadership.

Successivamente, in questo articolo completo, offriremo un approccio teorico alla definizione di leadership .

Definizione di leadership secondo la psicologia

Nella recensione di Gibb (1969) [1] presenta e discute diversi tentativi di definire il leader : leader è l'individuo che svolge tale occupazione, leader come focus per la condotta dei membri del gruppo, definizione di leader in termini di scelta sociometrica, leader come membro che esercita influenza sugli altri, differenziazione tra leadership e dominio, in modo che il termine leadership sia applicato solo quando l'influenza è volontariamente accettata o quando è condivisa, definizione del leader in termini di influenza sul " sintalità ", il leader è una persona che ha un'influenza dimostrabile sulla sintalità del gruppo (efficacia nella realizzazione totale del gruppo in quanto tale), definizione in termini di leadership centralizzata vs. distribuito, la leadership è concepita come una qualità del gruppo, come un insieme di funzioni che devono essere svolte dal gruppo, in modo che i leader siano identificati in termini di frequenza, molteplicità e modello di funzioni svolte, leader come membro che pratica comportamenti di leadership.

Cos'è la leadership: definizione

È forse l'interpretazione più antica e più diffusa della leadership. Il leader è considerato il soggetto che possiede un insieme di qualità che gli consentono di raggiungere una posizione dominante in qualsiasi situazione. Il suo successo può essere dovuto al fatto che si esprime nell'idea popolare che alcune persone sono "leader nati" e hanno caratteristiche peculiari che inducono altri a voler seguirli. Aristotele ha sottolineato:

"dal momento della nascita alcuni sono predestinati all'obbedienza e altri al comando".

Definizione di leadership secondo gli autori

Bennis (1959) [2] ha sottolineato che la definizione e le dimensioni del concetto e il suo significato teorico sono rimasti poco chiari e senza un accordo generale. Nella pratica organizzativa e in teoria, il concetto di leadership è ambiguo.

Per quanto riguarda il contesto organizzativo, la leadership ha avuto 3 significati principali:

  • l'attributo di una posizione
  • la caratteristica di una persona
  • una categoria di comportamento.

La leadership è un concetto di relazione che include due termini, l'agente che influenza e la persona influenzata.

Cartwright (1965) [3] pone il metodo di esercitare influenza tra di loro. L'essenza della relazione leader-seguace sta nella reciproca dipendenza tra le persone coinvolte nel raggiungimento di obiettivi comuni. Per specificare questa relazione di influenza del leader, è necessario considerare contemporaneamente l'interazione di 3 determinanti: il "leader", con la sua personalità, le sue percezioni e le risorse pertinenti per ottenere l'obiettivo, i "seguaci", con le loro personalità, le loro percezioni e le sue risorse rilevanti, il contesto situazionale in cui lavorano queste variabili. Ignorare uno di questi fattori distrugge il carattere fondamentale diadico del fenomeno.

Katz e Kahn (1978) [4] sottolineano che l'essenza della leadership organizzativa formale è quella di aumentare l'influenza al di sopra del livello di obbedienza meccanica agli ordini di routine arrivati ​​dall'organizzazione. Sembra esserci consenso sulla componente di influenza sociale della leadership, ma c'è meno accordo sulle dimensioni di base del comportamento del leader. Il significato e gli attributi comportamentali delle diverse dimensioni della leadership variano a seconda del tipo di approccio al problema oggetto di studio e della metodologia utilizzata.

Approcci teorici alla leadership aziendale secondo la psicologia

La leadership è considerata come un tratto di personalità unidimensionale che è distribuito tra la popolazione. Le persone variano a seconda di questa caratteristica, queste differenze sono potenzialmente misurabili. Il problema di definire queste funzionalità sembra semplice e facile, anche se non lo è. Tutta l'enfasi è posta sulle caratteristiche personali dei leader. La ricerca psicologica sostiene a malapena questo approccio. I risultati più coerenti nelle indagini indicano che non sembra esserci un insieme di tratti che distingua il bene dai leader cattivi.

Il concetto di leadership

Non è stata trovata una singola caratteristica che discrimina costantemente tra leader efficaci e non efficaci in tutti i tipi di situazioni. Le persone che sono buoni leader in una situazione possono fallire in questa stessa funzione in un'altra situazione. L'abilità di leadership sembra non essere un insieme prevedibile di abilità o caratteristiche. Ciò che determina l'efficacia di un leader non sembra dipendere dalle sue caratteristiche individuali ma dalla natura della situazione in cui ci si aspetta che conducano e dalle caratteristiche e dai bisogni dei seguaci.

Le qualità e le caratteristiche di un buon leader

Gibb (1969) sottolinea che tratti come intelligenza, estroversione, adattamento, dominio ed empatia sembrano caratterizzare leader di vario tipo in determinate situazioni e in condizioni specifiche, il che sembra accentuare la relatività situazionale dei tratti della personalità. Robbins (1979) sottolinea che il meglio che si può dire è che tratti come l'intelligenza, l'estroversione, la fiducia in se stessi e l'empatia tendono ad essere correlati al raggiungimento e al mantenimento della posizione di leader, vale a dire che i leader tendono a possedere queste caratteristiche sono in misura relativamente maggiore rispetto agli altri membri del gruppo che conducono, ma questi risultati consentono una scarsa generalizzazione.

L'incapacità di stabilire una relazione definitiva tra personalità e leadership può essere dovuta a uno o più di questi fattori: la descrizione e la misurazione dei tratti della personalità sono inadeguate, che i gruppi studiati sono stati notevolmente diversi l'uno dall'altro, che i fattori situazionali possono, e talvolta lo fanno, prevalgono su fattori di personalità, che la leadership è un modello complesso e probabilmente non coerente di ruoli funzionali. Se vuoi saperne di più su questo approccio teorico, ti consigliamo di leggere questo articolo sull'introduzione della leadership nelle organizzazioni.

Tipi di leadership: test e articoli

Secondo Goleman, ci sono diversi stili di leadership:

  • visionario
  • lezione
  • affiliative
  • democratico
  • timoniere
  • autorevole

Per sapere quale è il tuo, puoi sostenere il seguente test di leadership con risultati.

D'altra parte, come abbiamo visto in questo articolo su cosa sia la leadership, ci sono molti tipi e modi di guidare un'azienda. Pertanto, se vuoi saperne di più sull'argomento, ti consigliamo di leggere il seguente articolo sui diversi tipi di leadership aziendale.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se desideri leggere altri articoli simili a Cos'è la leadership - definizione e concetto, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di psicologia sociale e organizzativa.

riferimenti
  1. Gibb, CA (1969). Leadership: letture selezionate . Pinguino (non classici).
  2. Bennis, WG (1959). Teoria della leadership e comportamento amministrativo: il problema dell'autorità. Scienze amministrative trimestrali, 259-301.
  3. Cartwright, D. (1965). Influenza, leadership, controllo.
  4. Katz, DK e Kahn, YR 1978. La psicologia sociale delle organizzazioni .

Raccomandato

Rimedi casalinghi per le punture di vespa
2019
Guarisci le piaghe della bocca
2019
Come sapere se mio figlio ha la dislessia
2019